Dai media e web

Una cifra mostruosa

Diabete tipo 2. La prevalenza complessiva del diabete tra gli adulti in Cina ha raggiunto quasi il 11%, e la prevalenza di pre-diabete ha raggiunto quasi il 36% nel 2013, secondo i risultati del sondaggio rappresentativi di quel paese a livello nazionale.

Linhong Wang, PhD, del Centro Nazionale per il controllo e la prevenzione delle malattie croniche non trasmissibili cinese, e colleghi hanno valutato i dati da 170,287 intervistati (età media 43,5 anni, BMI medio, 24 kg / m 2 ; 57% donne) a livello nazionale, un’indagine trasversale rappresentativa condotta nel 2013 in tutta la Cina continentale per determinare la prevalenza e la variazione etnica del diabete tipo 2 e prediabete .

La prevalenza standardizzata complessiva stimato di diabete totale era del 10,9% (10,2% nelle donne; 11,7% negli uomini). Gli adulti più anziani ( P <.001), uomini ( P <.001), i residenti urbani ( P <.001), i partecipanti che vivono in aree economicamente sviluppate ( P = 0,003) e i partecipanti con sovrappeso o obesità ( P <.001) aventi una maggiore prevalenza di diabete rispetto alle loro controparti.

Nella popolazione complessiva, la prevalenza stimata di pre-diabete è stata del 35,7% (35% nelle donne; 36,4% negli uomini). Gli adulti più anziani rispetto ai più giovani ( p <0,001), i partecipanti con sovrappeso o obesità rispetto ai normopeso ( P <.001) e coloro che vivono nelle aree rurali rispetto quelle urbane ( P = .02) avevano una maggiore prevalenza di pre-diabete.

Nel complesso, il 36,5% dei partecipanti erano consapevoli della loro condizione diabetica; più le donne (39,8%) erano a conoscenza rispetto agli uomini (33,5%). Trentadue per cento dei partecipanti con diabete prendono farmaci antidiabetici, e tra quelli trattati, il 49,2% aveva livelli di HbA1c inferiore al 7%. Gli adulti più anziani rispetto ai più giovani ( p <0,001), le donne rispetto agli uomini ( P <.001) e residenti urbani rispetto a quelli in altre zone ( P <.001) avevano più probabilità di essere a conoscenza del loro status di diabetico e del trattamento terapeutico. Il controllo HbA1c inferiore al 7% era  più frequente nei partecipanti giovani rispetto agli anziani ( p = 0,03) e residenti urbani rispetto ai residenti nelle aree rurali ( P <.001).

La prevalenza grezza di diabetici sul totale era più alta tra i partecipanti di etnia Han (14,7%) rispetto ad altri gruppi etnici minoritari maggiori; Tibetani (4,3%) ed i musulmani (10,6%) hanno avuto la prevalenza più bassa ( P <.001 rispetto ai partecipanti Han).

La prevalenza di pre-diabete è stata più alta nei partecipanti di etnia Manchu (43,4%), seguiti da Zhuang (42,1%), Uiguro (39,4%), Han (38,8%), musulmani (31,9%) ed i tibetani (31,3%).

“La prevalenza del diabete, al 10,9%, era solo leggermente inferiore rispetto alla prevalenza del diabete totale nella popolazione statunitense (12% al 14%) nel 2011-2012, anche se il BMI medio era ancora molto inferiore a quello della popolazione degli Stati Uniti (24 [kg / m 2 ] vs 28,7 [kg / m 2 ]),”i ricercatori hanno scritto. “La prevalenza del diabete era molto più alto nelle fasce di popolazione con BMI in sovrappeso in questo studio rispetto alla popolazione degli Stati Uniti (15,4% vs 8% -9%). 

L’Organizzazione Mondiale della Sanità alla luce di questi dati, aggregati con il totale dei diabetici in India e nell’intero continente asiatico, dichiara di dover rivedere la stima proiettata nel prossimo decennio di crescita della popolazione diabetica a livello planetario: ben oltre il mezzo miliardo di colpiti dalla patologia, con un impatto insostenibile sia per la tenuta dei sistemi sanitari.

Ricerca pubblicata su JAMA.