Sport e movimento

Attività fisica su misura della condizione diabetica del paziente

Protocolli e pratica personalizzate per fare esercizio fisico possono variare a seconda della condizione diabetica specifica che una persona ha, questo emerge dal congresso annuale in base dell’American Association of Nurse Practitioners.

“Non ci sono scuse per non esercitarsi se hai il diabete con una comorbilità.E’ solo una scusa,” Afferma Geraldine Q. Young, DNP, APRN, FNP-BC, CDE , Alcorn State University, Natchez, Mississippi. “Questo protocollo è stato progettato per aiutare i pazienti con il diabete ad impegnarsi nell’esercizio fisico indipendentemente dalla comorbilità.”

Il diabete è attualmente la settima causa di morte negli Stati Uniti, e che, sulla base delle tendenze attuali, 1 su 3 americani avranno diabete entro il 2050. Inoltre, l’American Diabetes Association afferma che il costo totale stimato dei diabetici diagnosticati nel 2012 è stato di $ 176 miliardi di dollari in spese mediche dirette e $ 69 miliardi di dollari in una minore produttività.

Young ha detto di aver inizialmente reclutato 30 pazienti con diabete di tipo 2 per il suo studio. L’età media dei partecipanti era di 57.5 anni, l’80% era di sesso femminile, e il 96% erano neri. I partecipanti hanno ricevuto un questionario che ha esaminato i comportamenti precedenti correlate, fattori personali, così come i benefici e le difficoltà nel fare esercizi fisic, A1C, indice di massa corporea e circonferenza vita sono stati tutti misurati al basale.

Secondo il manifesto di Young:

• pazienti con retinopatia diabetica nello studio hanno ricevuto un protocollo di pratica dell’esercizio fisico  camminando (marcia), nuoto e/o in sella a una cyclette  da camera stazionaria. Evitare jogging, sport di contatto di, sollevamento pesi e/o eventuali movimenti della testa tensivi o rapidi;

• pazienti con nefropatia diabetica nello studio ha ricevuto un protocollo di pratica dell’esercizio fisico:camminando (marcia), nuoto e/o esercizio di intensità lieve o moderata. Evitare esercizio fisico intenso e/o prolungata;

• pazienti con diabete nello studio che non hanno avuto complicazioni hanno ricevuto un protocollo di esercizio fisico camminando di buon passo, aerobica in acqua, andare in bicicletta, tennis e ballo e/o balli di gruppo;

• pazienti con neuropatia diabetica periferica nello studio hanno ricevuto un protocollo di esercizio con nuoto, in sella a una cyclette da camera e/o un vogatore, ed evitare di fare jogging, passeggiate e/o arrampicate vivaci;

• pazienti con neuropatia diabetica autonomica nello studio hanno ricevuto un protocollo di esercizio per camminare, nuotare e utilizzando un tapis roulant a casa, evitare intenso esercizio fisico e prolungata.

I 24 dei partecipanti sono tornati per un esame di follow-up dopo 8 settimane. Di questi, il 54% aveva HbA1C tornata alla normalità, e il 50% vedeva diminuzioni nelle loro circonferenze BMI e peso.

“I benefici dell’esercizio fisico sono cresciuti, e le barriere che lo impedivano diminuite, sulla base della prescrizione personalizzata su misura del paziente”, ha detto.