Counseling/consulenze

Perché lo fai?

Pubblicità e progresso

Alti tassi di suicidio e di abuso di sostanze illecite sono state riscontrate tra i defunti con diabete di tipo 1 che hanno donato organi a fini di ricerca, rafforzando la necessità dello screening psicosociale nella popolazione con diabete di tipo 1. ”

Pubblicità e progresso

I dati, provenienti dalla rete JDRF, sono stati pubblicati online il 5 Luglio 2017 in Diabetes Care.

Pur riconoscendo che i donatori di organi non possono riflettere la popolazione generale con diabete di tipo 1, il dottor Jacobsen e colleghi affermano che i risultati evidenziano tuttavia la necessità di affrontare gli oneri emotivi e psicologici associati alla condizione.

“La maggiore attenzione deve essere prestata agli aspetti comportamentali del diabete: le probabilità di depressione nel diabete di tipo 1 sono di due volte superiori a quella della popolazione di controllo”, ha sottolineato il principale investigatore Desmond Schatz MD, professore di pediatria e direttore medico, centro di diabetologia al College of Medicine, Università di Florida.

“La depressione può verificarsi a seconda delle difficoltà di gestione del diabete, in quanto e può portare ad un uso illecito di droga e persino al suicidio”, ha aggiunto il dottor Schatz.

I donatori erano per il 45% donne e per il 79% caucasici, con un’età media di 28 anni al momento della morte e una durata media del diabete di 16 anni. Anoxia è stata la causa più comune di morte (n = 57), precipitata da una serie di eventi tra cui sovradosaggio di farmaco, infarto miocardico, embolia polmonare o edema cerebrale.

Delle morti dovute all’anossia, il 26% ha coinciso con una storia di abuso di sostanze illecite nella maggioranza di coloro che avevano tossicità positiva all’arrivo in pronto soccorso.

La presenza di acidosi è significativa e probabilmente ha contribuito alla causa della morte, ha spiegato il dottor Jacobsen, osservando: “Questo è particolarmente importante nel diabete dove la chetoacidosi diabetica ha contribuito con maggiore probabilità alla loro scomparsa”. Abbiamo usato solo il termine acidosi perché non possiamo definire definitivamente se la chetoacidosi diabetica fosse presente senza che i chetoni siano stati testati e non vengono normalmente riportati o testati in situazioni di emergenza o rianimazione “.

Nel complesso, il 32% dei donatori ha riportato o sperimentato positività per droghe illegali (esclusa la marijuana). La cocaina è stata la più comune, e l’uso di più sostanze stupefacenti è anche frequente.

L’uso di alcool è stato riportato nel 35% dei donatori e l’uso di marijuana nel 27%.

Il suicidio documentato è stato trovato nell’8% dei casi, con un’età media di 21 anni alla morte e la durata media del diabete di 9 anni. I metodi comprendevano l’overdose di insulina intenzionale (2%) e ferite d’arma da fuoco alla testa (3%). Del totale il 3% aveva meno di 18 anni. La più giovane – una ragazza in overdose intenzionale da insulina – aveva solo 11 anni.