Dai media e web

Tipo 2: siamo tutti diabetici?

Più di 100 milioni di adulti americani stanno vivendo con diabete o prediabete, secondo un nuovo rapporto emesso dal CDC, Centers for Disease Control and Prevention. National Diabetes Statistics Report, 2017. .

La relazione nazionale sul diabete in cifre del 2017, che stima il peso del diabete negli Stati Uniti, dimostra che a partire dal 2015, 30,3 milioni di residenti statunitensi, ovvero il 9,4% della popolazione, ha il diabete; Altri 84,1 milioni hanno il prediabete. Il rapporto mostra che i numeri di malattia sono rimasti fermi – la relazione del 2014 ha stimato che 29,1 milioni di persone, ossia il 9,3% della popolazione, avevano diabete, ma i costi e gli oneri sanitari legati alla condizione continuano a crescere. Il diabete era la settima causa di morte negli Stati Uniti nel 2015 e il costo totale stimato e indiretto della patologia diagnosticata negli Stati Uniti nel 2012 è stato di 245 miliardi di dollari, secondo la relazione.

“Anche se questi risultati rivelano alcuni progressi nella gestione e prevenzione della malattia, ci sono ancora troppi americani con diabete e prediabete”, ha detto Brenda Fitzgerald, MD, direttore del CDC, in un comunicato stampa. “Più di un terzo degli adulti americani ha il prediabete e la maggioranza non lo sa. Ora, più che mai, dobbiamo rafforzare i nostri sforzi per ridurre l’onere di questa grave malattia “.

Le stime per la relazione del 2017 sono state ricavate dalle banche dati CDC, dal Servizio Sanitario Indiano, dall’Agenzia per la Ricerca e dalla Qualità della Sanità, dall’Ufficio Censo degli Stati Uniti e dagli studi pubblicati. Entrambi, i livelli di glucosio a digiuno e HbA1c, sono stati utilizzati per ottenere stime circa il diabete e prediabete non diagnosticati.

Il rapporto ha anche scoperto che circa 1,5 milioni di nuovi casi di diabete sono stati diagnosticati tra gli adulti nel 2015. Tuttavia, quasi uno su quattro adulti che vivono con diabete, 7.2 milioni di americani, non sapevano di avere la condizione, secondo il rapporto. Solo l’11,6% degli adulti con prediabete era conoscenza di averlo.

Anche i tassi di diabete diagnosticati sono aumentati con l’età; Tra gli adulti di almeno 65 anni, il 25,5% aveva il diabete, mentre il 4% degli adulti di età compresa tra i 18 ei 44 anni ha la malattia. Come nelle precedenti relazioni, la prevalenza del diabete variava per razza. Gli indigeni nativi e gli abitanti dell’Alaska hanno i più alti tassi di diabete diagnosticati (15,1%), seguiti da neri (12,7%) e ispanici (12,1%), contro tassi più bassi tra gli asiatici (8%) e dei bianchi (7,4%).

La relazione include anche i dati a livello di contea per la prima volta e mostra che alcune aree del paese hanno un peso maggiore del diabete rispetto ad altri. Le aree meridionali e appalachi degli Stati Uniti hanno avuto i più alti tassi di diabete diagnosticato e di nuovi casi. “In linea con le tendenze precedenti, la nostra ricerca dimostra che i casi di diabete sono ancora in crescita, anche se non più rapidamente degli anni precedenti”, ha dichiarato Ann Albright, PhD, RD, direttore della Divisione CDC per il diabete. “Il diabete è un fattore che contribuisce a tante altre gravi condizioni di salute. Affrontando il diabete, limitiamo altri problemi di salute come malattie cardiache, ictus, neuropatie e malattie renali, perdita della vista “-