Tecno

E dopo il pancreas artificiale? Quello elettronico…

Come si sa noi italiani per quanto riguarda l’aiuto alla ricerca per la cura e l’innovazione terapeutica nel diabete tipo 1 abbiamo il braccino corto, per non dire focomelico. invece oltreoceano le fondazioni che sostengono finanziariamente la ricerca sono migliaia e tra queste c’è la Knapp Family Foundation.

L’Istituto Feinstein per la Ricerca Medica della Northwell Health ha ricevuto una borsa pari a 1 milione di $ da The Knapp Family Foundation per lanciare un programma di ricerca che esplorerà la medicina bioelettronica per il trattamento del diabete, tra cui un pancreas elettronico, secondo un comunicato stampa dell’istituto.

“Il diabete colpisce la nostra famiglia e impatta milioni di altre famiglie in tutto il mondo e per questo motivo ci siamo appassionati a sostenere gli sforzi innovativi e scientifici dell’Istituto Feinstein per combattere questa condizione debilitante” , spiega Charles Knapp, presidente della Fondazione della famiglia Knapp, nel comunicato.

Questa sovvenzione supporterà un programma per lo sviluppo di un dispositivo impiantabile che regoli il metabolismo del glucosio del paziente senza l’uso dell’insulina; invece, il dispositivo modulerà percorsi neurali specifici.

“Il nuovo programma di ricerca supporterà il nostro sviluppo di dispositivi che aiutino il corpo a guarire, senza fare affidamento sui farmaci, ma piuttosto sul nostro sistema nervoso per fornire nuove e sicure opzioni di trattamento per una condizione che affligge molti americani”, Chad Bouton, MS , Vice presidente di ingegneria avanzata per la Northwell Health e direttore del Centro di Medicina Bioelettronica dell’Istituto Feinstein, ha dichiarato nel comunicato.

I ricercatori mirano sia al diabete di tipo 1 che di tipo 2 con la loro tecnologia.