Vivo col Diabete

I tassi di neuropatia periferica nei pazienti diabetici giovani sono ‘allarmanti’

I giovani con diabete di tipo 1 e tipo 2 hanno elevati tassi di complicanze neuropatiche legate al controllo glicemico e alla gestione dei fattori di rischio, dicono i ricercatori statunitensi e sottolineano la necessità di una maggiore adesione alle raccomandazioni sulle migliori pratiche.

In uno studio su più di 2000 giovani pazienti diabetici, il 7% di quelli con diabete di tipo 1 e più del 20% di quelli con diabete di tipo 2 aveva una neuropatia periferica diabetica (DPN), che a sua volta era associata in modo significativo con fattori modificabili come il fumo e dislipidemia.

Lo studio ha inoltre mostrato che il rischio di DPN aumenta con la durata del diabete e che è stato associato in modo significativo a un controllo glicemico scarso. Lo studio, di Mamta Jaiswal, MD, del dipartimento di neurologia, Università del Michigan, Ann Arbor e colleghi, è stato pubblicato online il 3 luglio 2017 in Diabetes Care.

“In generale, i risultati del nostro studio suggeriscono che il basso controllo glicemico nel tempo e i fattori di rischio cardiovascolari tradizionali sono fattori di rischio importanti associati a DPN e devono essere mirati alla prevenzione delle conseguenze debilitanti della stessa in questa giovane coorte”, scrive il team.

L’aumento “allarmante” dei tassi di DPN per ogni aumento di durata di cinque anni della durata del diabete “accoppiato con un cattivo controllo glicemico e dislipidemia … rafforza la necessità che i medici prestino attenzione ai giovani con diabete e siano vigili nello screening per DPN e nell’identificazione di tutti i fattori di rischio che potrebbero essere modificati per alterare il corso della malattia “, aggiungono.

I fattori di rischio modificabili che potrebbero essere mirati in questa giovane popolazione includono il miglior controllo glicemico, il trattamento della dislipidemia e la cessazione del fumo, “approcci che fanno parte anche della raccomandazione contenuta negli Standard Care della American Diabetes Association”, afferma Jaiswal e coautori.

DPN è due volte più comune nei fumatori che nei non fumatori

Sulla base di un precedente studio pilota che studiava la prevalenza di DPN nei giovani con diabete, i ricercatori hanno esaminato i dati su 1734 pazienti con diabete di tipo 1 e 258 con diabete di tipo 2 dal SEARCH uno studio sul diabete nei giovani .

Tra i pazienti con diabete di tipo 1, l’età media era di 18,0 anni, la durata media del diabete era di 7,2 anni e la HbA 1c media era del 9,1%. Tra i pazienti con diabete di tipo 2, l’età media era di 22,0 anni, la durata media della malattia era 7,9 anni e la media HbA 1c era del 9,4%.

La prevalenza di DPN è stata del 7% tra quelli con diabete di tipo 1 e il 22% in quelli con diabete di tipo 2.

I pazienti con diabete di tipo 1 e DPN erano significativamente più vecchi di quelli senza DPN (21 vs 18 anni; P <.0001) e avevano una durata significativamente maggiore del diabete (8,7 vs 7,8 anni; P <.0001).

I pazienti con diabete di tipo 1 e DPN avevano inoltre una pressione arteriosa superiore diastolica, a 71 vs 69 mmHg ( P = .02) e un maggiore indice di massa corporea, a 26 vs 24 kg / m 2 ( P <.001), rispetto a quelli senza DPN. Questi pazienti avevano inoltre un maggiore livello di colesterolo lipoproteico a bassa densità (LDL-C) (101 vs 96 mg / dL; P = .01), trigliceridi più alti (85 vs 74 mg / dL; P = .005) Colesterolo lipoproteico (HDL-C) (51 vs 55 mg / dL; P = .01).

E i ricercatori hanno scoperto che la DPN tra i pazienti affetti da diabete di tipo 1 era il doppio rispetto ai fumatori anziani e rispetto ai non fumatori, con una prevalenza del 10% contro il 5% ( P = .001). I modelli erano simili nei pazienti con diabete di tipo 2

Parlare della pressione sanguigna, del colesterolo e della cessazione del fumo nei centri del diabete

Il team ha calcolato che l’aumento di circa due volte nella prevalenza di DPN con ogni incremento a 5 anni della durata del diabete in entrambi quelli con diabete di tipo 1 ( P <.0001) e diabete di tipo 2 ( P = .02) .

Il controllo glicemico è stato anche associato in modo significativo al rischio di DPN nei soggetti con diabete di tipo 1 (rapporto di odds corretto [OR] 1,53; P <0,0001). Tuttavia, l’associazione non era significativa per il diabete di tipo 2 (OR 1,05; P = .82).

L’autore maggiore Eva L Feldman, MD, PhD, professore di neuologia, Università del Michigan, ha detto che questioni quali la cessazione del fumo e lo stile di vita sono almeno già al centro dell’atenzione di quelli che trattano il diabete di tipo 2. Lei ei suoi colleghi ritengono che, per i giovani con diabete di tipo 1 in particolare, ci sono “chiari standard di cura che devono essere affrontati”.

“Questi bambini con diabete di tipo 1 e neuropatia presentavano una pressione arteriosa diastolica più alta, erano chiaramente più pesanti, avevano la dislipidemia non trattata ed erano fumatori, quindi ci sono chiare raccomandazioni che non sono state rispettate”.

Nei centri di riferimento per il diabete di tipo 1 nei bambini, il controllo glicemico è chiaramente affrontato, ma la dislipidemia, il fumo e l’ipertensione sono fattori che non sono così attivamente o apertamente discussi “.

Ha anche sottolineato che l’obiettivo HbA1c inferiore al 7,5% deve essere concentrato nei bambini con diabete di tipo 1.

Lei ritiene che la discussione non si svolga per una serie di ragioni che, con ogni probabilità, si discostano da pratica a pratica e da paese a paese.

Tuttavia, un fattore comune è che “probabilmente il tempo assegnato per ogni appuntamento non è tanto grande quanto deve essere e i praticanti non hanno sempre il tempo di affrontare queste questioni”.

Tuttavia, una volta che i professionisti della sanità sono consapevoli dell’importanza di affrontare questi problemi, si pensa che il tempo lo si troverà per parlarne con i pazienti.

“Forse deve essere scolpito nelle sessioni didattiche, forse deve essere collocato nei percorsi educativi tramite gli infermieri, “Ha concluso.

Il SEARCH per lo studio del diabete in gioventù è finanziato dall’Istituto Nazionale per la Ricerca sulla Salute e dagli Istituti Nazionali di Salute (NIH), dall’Istituto Nazionale del Diabete e dalle Malattie del Digestione e Neuroscienze (NIDDK) e sostenuto dai Centri per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie (CDC ). Gli autori non hanno riportato relazioni finanziarie rilevanti.



Annunci

Categorie:Vivo col Diabete

Con tag:,