Ricerca

Nuova misurazione delle cellule beta in grado di valutare la progressione e il trattamento del diabete

I ricercatori dell’Università del Wisconsin-Madison hanno sviluppato una nuova misurazione per volume e attività delle cellule beta, la fonte d’insulina ormonale che regola lo zucchero.
In uno studio pubblicato nell’edizione di agosto del giornale Diabetes, Weibo Cai e colleghi hanno utilizzato uno scanner PET per rilevare i minimi livelli di una sostanza radioattiva nel pancreas del topo. Cai, l’autore maggiore dello studio e professore associato di radiologia, afferma che a differenza dei metodi precedenti per misurare la quantità di cellule beta, il nuovo test misura anche quanto attivamente queste cellule stanno producendo insulina.
La scansione PET, o la tomografia a emissione di positroni , viene usata per rilevare piccole quantità di traccianti, comunemente impiegati per individuare cancro e metastasi. Questa zona è una specialità di Cai. Cai dice che il test può essere usato per valutare i trattamenti o trapianti di cellule destinati a rallentare o invertire il diabete.
Con un brevetto provvisorio depositato attraverso la Wisconsin Alumni Research Foundation, Cai ha iniziato a pianificare una serie di sperimentazioni umane che potrebbero condurre all’accettazione da parte della Food and Drug Administration per un nuovo metodo in grado di determinare la quantità e la condizione delle cellule beta. Il primo passo in questi studi ha riguardato la distribuzione e potenziale tossicità del cloruro di manganese radioattivo utilizzato come tracciante.
Una carenza di insulina, dovuta alla morte o all’inattività delle cellule beta, è la causa del diabete tipo I (precedentemente “giovanile”). Lo stesso problema può anche causare il diabete di tipo II. Ma questa condizione, una volta definita “diabete adulto”, può anche derivare da una risposta insufficiente all’insulina. “In alcune condizioni è possibile avere un numero adeguato di cellule beta, ma non tutte funzionano”, dice Cai. “Misuriamo il volume e riceviamo un prodotto di volume dei tempi di funzione, che è quello che tutti vogliono sapere”.
Il tracciante scelto ha una breve emivita, quindi l’esposizione alla radiazione non è superiore a quella che viene ora utilizzata nelle numerose scansioni PET utilizzate per rilevare il cancro.
Poiché i test dello zucchero nel sangue sono economici e affidabili, Cai non propone di sostituirli per individuare il diabete. Invece, il nuovo test potrebbe essere utilizzato per monitorare l’efficacia dei farmaci e altre misure destinate a smorzare l’assalto immunitario che uccide le cellule beta.

Il test potrebbe offrire vantaggi rispetto ai metodi precedenti per rilevare e analizzare le cellule beta, spiega Cai. Alcune tecniche di risonanza magnetica possono fornire informazioni sulla quantità e sulla funzione delle cellule beta, spiega, ma usano una dose di cloruro di manganese che è almeno un milione di volte superiore alla nuova tecnica PET, suggerendo il vantaggio con una minore tossicità.
Altri test rilevano le cellule beta identificando i recettori che sono unici a quelle cellule “ma anche se queste non funzionano, i recettori sono ancora lì”, dice Cai, ” e così si può capire se secernono insulina. 



Categorie:Ricerca

Con tag:,