Ricerca

Complicazione a lungo termine del diabete tipo 2: L’infiammazione del fegato aumenta i livelli di colesterolo

I processi infiammatori nel fegato portano a livelli elevati di colesterolo nelle persone con diabete, promuovendo così le successive malattie vascolari. Questa è la conclusione di uno studio condotto da scienziati presso la Helmholtz Zentrum München, la Technische Universität München (TUM) e il Collaborative Research Center SFB 1118 presso l’Ospedale Universitario di Heidelberg. Il documento è stato pubblicato nella rivista Cell Reports.

Le malattie vascolari svolgono un ruolo chiave tra le complicazioni a lungo termine nelle persone affette da diabete. Le malattie cardiovascolari rappresentano il 75 per cento degli ospedalizzazioni e queste malattie sono responsabili del 50 per cento di tutte le morti. Il colesterolo elevato è un importante fattore di rischio per l’arteriosclerosi, i disturbi circolatori e le complicazioni vascolari.
“Anche se i livelli di glucosio nel sangue sono ben controllati, alcune persone con diabete hanno un rischio maggiore di complicazioni a lungo termine. Volevamo capire la causa di fondo”, ha detto il ricercatore del metabolismo Dr. Mauricio Berriel Diaz, vice direttore dell’Istituto Diabete e Cancro (IDC) presso Helmholtz Zentrum München.
Nel loro studio, i ricercatori si sono concentrati sui processi infiammatori che sono noti a verificarsi in molti disturbi metabolici come il diabete di tipo 2 e l’obesità e contribuiscono significativamente a complicazioni a lungo termine. In particolare, si sono concentrati sul fattore ? (TNF-?) della necrosi tumorale delle citochine infiammatorie, che è noto per indurre la produzione di specie di ossigeno reattivo (ROS) nel fegato. Gli scienziati hanno dimostrato che questi ROS inattivano il complesso fattore di trascrizione GAbp (GA-binding protein). Nei modelli sperimentali, questa perdita ha inibito la proteina AMPK, un sensore di energia della cellula. Di conseguenza, è stato prodotto il colesterolo in eccesso e si sono sviluppati sintomi tipici di arteriosclerosi.
Ruolo fondamentale nella manutenzione dell’omeostasi lipidica epatica e sistemica
“I nostri dati suggeriscono che il fegato svolge un ruolo chiave nello sviluppo di malattie vascolari diabetiche comuni “, ha detto il primo autore Dr. Katharina Niopek, ricercatore presso l’IDC. “GAbp sembra essere un regolatore molecolare all’interfaccia tra l’infiammazione, l’omeostasi del colesterolo e l’arteriosclerosi. Senza il suo effetto protettivo, questo porta ad una ipercolesterolemia e ad una maggiore deposizione lipidica nelle arterie”.
“Dato che i dati iniziali del paziente hanno supportato i nostri risultati, il nuovo percorso di segnalazione – indipendentemente dal livello di controllo dei livelli di glucosio nel sangue del paziente – può essere un elemento chiave nello sviluppo di complicazioni a lungo termine del diabete che potrebbero essere utilizzate terapeuticamente”. afferma Herzig, che ha guidato lo studio.