Complicanze varie/eventuali

L’influenza suina può essere legata al diabete di tipo 1?

DIABETEASY per partecipare clicca qui

I giovani che sono stati infettati dal virus dell’influenza suina H1N1 possono aumentare il rischio di sviluppare il diabete di tipo 1, suggerisce un nuovo studio.

I ricercatori hanno esaminato i dati provenienti da tutti i 2,28 milioni di persone di 30 anni e più giovani in Norvegia tra giugno 2009 (quando l’influenza pandemica H1N1 ha colpito il paese) e giugno 2014.

Le persone che hanno riportato sintomi di influenza durante la pandemia avevano il 18 per cento più di probabilità di aver diagnosticato il diabete di tipo 1 rispetto a coloro che non hanno avuto l’influenza, hanno trovato gli investigatori.

Questa associazione era ancora più forte nei bambini di età inferiore ai 15 anni. Tra questi gruppi di età, quelli che sono stati infettati da virus dell’H1N1 hanno avuto un rischio aumentato del 25 per cento di sviluppare il diabete di tipo 1, secondo lo studio.

Tuttavia, l’associazione osservata nello studio non dimostra una relazione causa-effetto.

I risultati della ricerca sono stati presentati mercoledì scorso nel corso della riunione annuale dell’Associazione europea per lo studio del diabete (EASD) in Lisbona, Portogallo.

Le persone ereditano una suscettibilità genetica al diabete di tipo 1, ma è necessario anche un miccia ambientale per farlo sviluppare e le infezioni virali possono fornire tale innesco, hanno spiegato i ricercatori in un comunicato stampa di EASD.

Precedenti ricerche hanno collegato l’H1N1 con lo sviluppo di disturbi autoimmuni, hanno osservato gli autori dello studio.

“Questo studio può sostenere l’ipotesi che le infezioni respiratorie possano contribuire allo sviluppo del diabete di tipo 1, a causa dello stress e dell’infiammazione in persone predisposte”, ha concluso Paz Lopez-Doriga Ruiz e colleghi dell’Istituto norvegese per la sanità pubblica e l’ospedale universitario di Oslo nel comunicato stampa.

I risultati presentati nelle riunioni vengono generalmente considerati preliminari finché non sono stati pubblicati in un diario rivisto.