Complicanze varie/eventuali

Effetto delle fratture osteoporotiche simile al carico del diabete

Le fratture osteoporotiche e le complicanze del diabete hanno un impatto sulla qualità della vita (QoL), secondo uno studio pubblicato online il 12 settembre nel Journal of Evaluation in Practical Clinical Practice.

Zoltán Vokó, Dott.ssa, presso l’Università Eötvös Loránd di Budapest, Ungheria, ha analizzato i dati di 840 pazienti con osteoporosi e 943 pazienti con diabete per stimare l’effetto delle fratture osteoporotiche e delle complicanze microvascolari e macrovascolari del diabete sulla QoL utilizzando il questionario l’EuroQol -5D (EQ-5D).

Pubblicità e progresso

DIABETEASY per partecipare clicca qui

I ricercatori hanno scoperto che gli effetti di alcune delle fratture osteoporotiche e delle complicanze del diabete erano simili in dimensioni, come misurate dall’EQ-5D. I pazienti con fratture dell’anca e compressioni delle vertebre hanno registrato un calo in QoL comparabile alle complicanze più gravi del diabete, quali la perdita della vista e le amputazioni.

“La nostra analisi comparativa, ha dimostrato che le fratture osteoporotiche riducono la qualità della vita, tanto quanto le principali complicazioni del diabete, evidenziano la necessità di valutare complessivamente l’onere delle malattie, incluse le perdite di funzionalità e QoL, per sostenere la decisione”, scrivono gli autori.

Il tasso di mortalità così come le misure tradizionali e gli oneri della malattia nella politica sanitaria pubblica, comporta che queste malattie influenzano fortemente la QoL ma con una minore sopravvivenza e quindi potrebbero non avere la priorità necessaria.  Lo si verifica particolarmente nei paesi a basso e medio reddito dove gli studi sulla QoL sono scarsi. La nostra analisi comparativa,  dimostra che le fratture osteoporotiche riducono la QoL tanto quanto le principali complicazioni del diabete, ed evidenzia la necessità di una valutazione complessiva dell’onere delle malattie, incluse le perdite di funzionalità e QoL, per sostenere il processo decisionale.

Lo studio è stato finanziato da Novartis Hungary Ltd. e Sandoz Ungheria.