Complicanze varie/eventuali

Il rischio di frattura aumenta con il diabete di tipo 1 combinato alla celiachia

I giovani adulti con diabete di tipo 1 e malattia celiaca sono più suscettibili a sostenere fratture di coloro che hanno solo diabete di tipo 1, secondo i risultati riportati nella rivista Clinical Endocrinlogy.

Il diabete di tipo 1 è associato a una qualità ossea compromessa e ad un aumento dei tassi di frattura, mentre la celiachia è anche un fattore riconosciuto per l’osteoporosi secondaria e frattura, portando i ricercatori a ipotizzare che il rischio possa essere additivo per i pazienti con entrambe le condizioni, Eleanor P. Thong, MBBS , endocrinologa al Monash Health a Clayton, in Australia, e colleghi hanno scritto nello studio.

In uno studio retrospettivo e trasversale, Thong e colleghi hanno analizzato i dati clinici di 346 pazienti con solo diabete di tipo 1 (età media 23 anni) e 49 pazienti con diabete di tipo 1 e celiachia (età mediana, 24 anni) che hanno frequentato i centri specialistici ambulatoriali  per il diabete tra l’agosto 2016 e febbraio 2017 del circuito Monash Health. Sono stati esclusi pazienti con malattia renale cronica, acomorbilità, conuso di glucocorticoidi, ipogonadismo e ipertiroidismo non trattato. I ricercatori hanno valutato le fratture precedenti (verificate da rapporti radiologici e registrazioni mediche), la durata del diabete di tipo 1, il controllo glicemico, l’incidenza di ipoglicemia (valutata mediante dispositivi di monitoraggio del glucosio o giornali di bordo), dose giornaliera di insulina, complicanze microvascolari e stato della malattia celiaca.

DIABETEASY per partecipare clicca qui

 

I ricercatori hanno documentato 21 fratture in 18 pazienti della coorte. Nel complesso, una percentuale più elevata di pazienti hanno avuto fratture nel gruppo con diabete di tipo 1 / celiachia rispetto al gruppo di con solo diabete di tipo 1 (12,2% vs 3,5%; P = 0,02). Tuttavia, non esisteva alcuna differenza nei traumi minimi tra i due gruppi (33,3% vs 25%). Dopo aver adeguato per l’età, il sesso, BMI, lo stato della vitamina D, l’ipoglicemia, le complicazioni microvascolari e l’HbA1c, i ricercatori hanno osservato una relazione tra la malattia celiaca e la frattura (OR = 3,5, 95% CI, 1,01-12,12).

Solo tre pazienti (6,1%) hanno una valutazione documentata della densità minerale ossea negli ultimi 5 anni, secondo i ricercatori.

I pazienti con diabete di tipo 1 e malattia celiaca hanno inoltre una maggiore prevalenza di ipoglicemia frequente, definita come almeno due episodi a settimana, rispetto a coloro che avevano solo il diabete di tipo 1 (55,1% vs 37,7%, P < .001). Dopo la regolazione per età, sesso, durata del diabete, HbA1c, BMI e dose totale giornaliera di insulina, la relazione tra la celiachia e l’ipoglicemia rimane significativa (OR = 3,28; 95% CI, 1,61-6,69); tuttavia, la maggiore incidenza di ipoglicemia non è stata associata indipendentemente alle fratture, secondo i ricercatori.

“I clinici devono attivamente monitorare e gestire l’ipoglicemia nei pazienti con diabete di tipo 1 concomitante e con la malattia celiaca, poiché l’ipoglicemia rappresenta un fattore di rischio per cadute, crisi epilettiche e, in ultima analisi, fratture”, ha dichiarato la Thong. “Sono necessari studi prospettici che esaminino gli impatti a lungo termine della malattia celiaca sulla salute delle ossa e sul controllo glicemico nel diabete di tipo 1, in particolare negli adulti più anziani dove il rischio assoluto di frattura è maggiore”.