Terapie

L’uso di antibiotici non è legato all’autoimmunità dell’isola o celiachia

L’uso di antibiotici nell’infanzia non è associato all’autoimmunita delle isole o celiachia (CD) nei bambini a rischio di diabete di tipo 1 (T1D) o CD, secondo uno studio pubblicato online il 9 ottobre in JAMA Pediatrics.

DIABETEASY per partecipare clicca qui

Kaisa M. Kemppainen, Ph.D., dall’Università della Florida a Gainesville, e colleghi hanno esaminato la correlazione tra l’uso di antibiotici e l’autoimmunità di isole o CD in età precoce nei bambini geneticamente a rischio prospetticamente seguiti per T1D o CD. I dati sono stati inclusi per i neonati con antigeni umani di tipo leucocitario iscritti in una coorte di nascita prospettica: 8.495 bambini e 6.558 bambini che sono stati testati rispettivamente per gli autoanticorpi del tessuto e della transglutaminasi isletica.
I ricercatori hanno scoperto che l’esposizione e la frequenza di utilizzo di qualsiasi antibiotico valutato nello studio in fase di vita precoce o prima della sieroconversione non erano associati al rischio di sviluppareautoimmunità nelle isole o CD. Non vi era alcuna correlazione per l’uso cumulativo di qualsiasi antibiotico durante i primi quattro anni di vita con l’aspetto di qualsiasi autoanticorpo (rapporto di rischio, 0.98, intervallo di confidenza del 95%, 0.95-1.11), autoanticorpi multipli di isole (hazard ratio, 0.99, 95% intervallo di confidenza, 0,95 a 1,03), o autoanticorpo di transglutaminasi (rapporto di rischio, 1; intervallo di confidenza del 95%, da 0,98 a 1,02).
“Questi risultati suggeriscono che un rischio di autoimmunità di transglutaminasi nelle isole o tessuti non deve influenzare le raccomandazioni per l’uso clinico degli antibiotici nei bambini piccoli a rischio di T1D o CD”, scrivono gli autori.



Categorie:Terapie

Con tag:,