Mangiare

Trovate ulteriori prove che i grassi e gli oli sbloccano completamente i vantaggi nutrizionali delle verdure

La canzone dice che un poco di zucchero aiuta la pillola ad andar giù, ma uno scienziato dell’Università di Iowa ha pubblicato una nuova ricerca che suggerisce come un cucchiaio di olio rende le verdure più nutrienti. 

Un nuovo studio condotto da Wendy White, professore associato di scienza dell’alimentazione e nutrizione umana, mostra che mangiare insalata con aggiunta di grassi sotto forma di olio di oliva promuove l’assorbimento di otto diversi micronutrienti che promuovono la salute umana. Al contrario, mangiare la stessa insalata senza l’aggiunta di olio riduce la probabilità che il corpo assorba le sostanze nutritive.

DIABETEASY per partecipare clicca qui

Lo studio è apparso recentemente nella rivista American Journal of Clinical Nutrition.

Lo studio della White ha trovato che l’aggiunta dell’olio aiuta nell’assorbimento di sette diversi micronutrienti in verdure di insalata. Quelle sostanze nutritive comprendono quattro carotenoidi – alfa e beta carotene, luteina e licopene – due forme di vitamina E e vitamina K. L’olio ha anche promosso l’assorbimento della vitamina A, l’ottavo micronutriente tracciato nello studio, che si forma nell’intestino dall’alfa e beta carotene. Il nuovo studio si basa su ricerche precedenti del gruppo White che si sono concentrate sull’alfa e sul beta carotene e sul licopene.

White ha detto che l’assorbimento migliore delle sostanze nutritive promuove una gamma di benefici per la salute, tra cui la prevenzione del cancro e la conservazione della vista.

Lo studio ha anche scoperto che la quantità di olio aggiunto alle verdure aveva un rapporto proporzionale con la quantità di assorbimento dei nutrienti. Cioè, più olio significa più assorbimento.

“Il modo migliore per spiegarlo sarebbe dire che aggiungere due volte la quantità di condimento di insalata porta a due volte l’assorbimento dei nutrienti”, ha detto White.

Quello non dà la licenza versare quantitativi spropositati di condimento nell’insalata, ha ammonito. Ma che i consumatori dovrebbero attuare la raccomandazione alimentare statunitense di circa due cucchiai di olio al giorno.

Lo studio ha incluso 12 donne in età universitaria che hanno consumato insalate con vari livelli di olio di soia, un ingrediente comune nelle confezioni di insalata commerciale. I soggetti allora hanno testato il loro sangue per misurare l’assorbimento delle sostanze nutritive. Le donne sono state scelte per il processo a causa delle differenze nella velocità con cui gli uomini e le donne metabolizzano le sostanze nutritive in questione.

I risultati hanno mostrato che il massimo assorbimento dei nutrienti è  avvenuto con circa 32 grammi di olio, che era la più alta quantità studiata, o poco più di due cucchiai. Tuttavia, White ha detto che ha trovato qualche variabilità tra i soggetti.

“Per la maggior parte delle persone, l’olio migliora l’assorbimento dei nutrienti “, ha detto. “La tendenza media, statisticamente significativa, è stata per un aumento dell’assorbimento “.

Unilever, una multinazionale internazionale, ha fornito finanziamenti per la ricerca. La società non aveva alcun interesse nella pubblicazione dello studio.

Così un cucchiaio o due di salsa da insalata si può davvero aiutare a trarre un beneficio nutrizionale ottimale dalle vostre verdure. La relazione tra un cucchiaio di zucchero e la medicina che scende, tuttavia, resta fuori dalla portata della ricerca della White.



Categorie:Mangiare

Con tag:,