Donne e diabete

Dormire poco porta allo sviluppo del diabete gestazionale

La quantità di tempo trascorso a dormire è diminuita significativamente negli ultimi vent’anni con quasi un quarto di donne e il 16% degli uomini che soffre di sonno insufficiente. Ora, un nuovo studio ha scoperto che la mancanza di sonno tra le donne in gravidanza può essere un fattore che contribuisce allo sviluppo del diabete gestazionale.

DIABETEASY per partecipare clicca qui

 

I risultati sono riportati nella rivista Sleep Medicine Review .

Pubblicità e progresso

“I collegamenti tra la riduzione della durata del sonno e il rischio aumentato di diabete sono stati riportati in diversi grandi studi su popolazioni non gravide”, ha dichiarato il dottor Sirimon Reutrakul, professore associato di endocrinologia, diabete e metabolismo presso l’Università dell’Illinois Chicago College of Medicine autore dello studio.

Alcuni studi hanno collegato una breve durata del sonno a livelli elevati di zucchero nel sangue nelle donne in gravidanza, ma molti di loro erano di piccole dimensioni. “Più informazioni sono necessarie per determinare se un sonno di breve durata è un fattore che contribuisce allo sviluppo del diabete gestazionale “, ha detto Reutrakul.

Il diabete gestazionale è una condizione che si verifica spesso nel secondo o terzo trimestre. La maggior parte dei medici suggeriscono per le donne in gravidanza una controllo dello zucchero nel sangue tra le 24 e le 28 settimane di gravidanza. Un elevato livello di zucchero nel sangue indica che una donna ha un rischio maggiore per avere il diabete gestazionale e per questo è necessario un ulteriore test per diagnosticarlo.

Il diabete gestazionale interessa tra il tre e il sette per cento di tutte le gravidanze. Di solito, non esistono sintomi nella madre e livelli di zucchero nel sangue ritornano alla normalità dopo la nascita del bambino. I neonati nati da madri con diabete gestazionale tendono ad avere pesi alla nascita elevati. Le donne che hanno diabete gestazionale hanno un rischio maggiore di sviluppare il diabete di tipo 2 più tardi. I loro bambini hanno anche un rischio aumentato per il diabete di tipo 2 così d’obesità.

Reutrakul e i suoi colleghi hanno eseguito una meta-analisi di otto studi che hanno incluso 17.308 donne incinte che sono state valutate per la durata del sonno (tutti gli studi hanno utilizzato questionari auto-compilati tranne uno che misurava l’atto di dormire oggettivamente utilizzando un accelerometro) e il diabete gestazionale. I ricercatori hanno inoltre ottenuto dati di partecipazione individuale grezzi dagli autori di quattro studi aggiuntivi che includevano misurazioni dei livelli di zucchero nel sangue e durata delle misurazioni obiettiva in 287 donne in gravidanza con diabete gestazionale per ulteriori analisi.

Nell’analisi degli studi, i ricercatori hanno scoperto che la durata media del sonno di meno di 6 ore è stata associata ad un aumento di 1,7 volte nel rischio di essere diagnosticato con il diabete gestazionale. Tra i partecipanti agli studi in cui il sonno è stato misurato oggettivamente e dove sono stati resi disponibili dati individuali sul paziente, quelli che hanno dormito meno di 6,25 ore per notte avevano aumentato il rischio di avere il diabete gestazionale pari a 2,84 volte rispetto alle donne che avevano dormito più di 6,25 ore per notte, e inoltre tenevano livelli più elevati di zucchero nel sangue durante gli screening.

“Questa è la prima meta-analisi per scoprire che sia la durata breve del sonno auto-riportata che obiettivamente misurata è associata ad elevati livelli di zucchero nel sangue in gravidanza, nonché un aumento del rischio di sviluppare il diabete gestazionale”, ha dichiarato Reutrakul. “Ulteriori studi sono necessari per confermare le nostre scoperte e per determinare se l’estensione del sonno possa essere utile per abbassare il rischio di diabete gestazionale “.