Ricerca

La risposta dei nervi all’esercizio nel diabete di tipo 1 peggiora nel tempo

Un nuovo studio rileva che il diabete mellito di tipo 1 fase avanzata d’età (T1DM) indebolisce il riflesso autonomo che regola la pressione sanguigna durante l’esercizio, compromettendone la circolazione, la funzione nervosa e la tolleranza all’esercizio stesso. Lo studio è pubblicato nel American Journal of Physiology-Heart.

Il T1D è una malattia autoimmune permanente del sistema endocrino in cui il corpo non produce insulina. L’insulina è un ormone necessario per trasportare glucosio in tutto il corpo. Il T1DM può anche danneggiare i nervi e il cuore. Le statistiche mostrano che circa il 70 per cento delle persone affette da diabete sviluppa un certo grado di danni ai nervi (neuropatia) e il 17 per cento delle persone affette da T1DM soffre di malattie cardiovascolari nei primi 10 anni dalla diagnosi. La combinazione di neuropatia e fattori di rischio cardiovascolare aumenta notevolmente la comorbidità in questa fascia di popolazione.

DIABETEASY per partecipare clicca qui

 

Un team di ricercatori dell’Università del Texas ad Austin ha studiato il riflesso pressorio in tre gruppi di ratti nelle fasi iniziali, medie e tardive di un modello animale di T1DM. Quando i muscoli si contraggono, il riflesso pressorio nell’esercizio è responsabile di aumentare la quantità di sangue espulsa dal cuore e causa la costrizione nei piccoli vasi sanguigni, che insieme fanno aumentare la pressione sanguigna. Questa risposta aiuta “il sistema cardiovascolare ad adattare meglio la distribuzione con la domanda di ossigeno”, hanno spiegato i ricercatori.

Un aumento anormale (risposta esagerata) nel riflesso pressorio dell’esercizio potrebbe essere particolarmente pericoloso per le persone con T1DM che già hanno un rischio elevato per le anomalie cardiovascolari e possono veder aumentate le probabilità di attacco cardiaco e ictus durante l’attività fisica. Questo interessa i medici che prescrivono l’esercizio fisico come modalità di trattamento.

I ricercatori hanno misurato il riflesso pressorio degli esercizi negli animali che hanno studiato. Hanno trovato la risposta della pressione sanguigna essere esagerata nei gruppi in fase iniziale e media, indicando una maggiore richiesta del cuore durante l’esercizio fisico. In questa fase della malattia, i ricercatori ritengono che i nervi iperattivi che trasmettono informazioni dalla contrazione muscolare sono responsabili di un aumento anormale della pressione sanguigna, simile a quello che avviene nella neuropatia diabetica dolente. Al contrario, nella fase tardiva della malattia, i ratti maschi, ma non le femmine, avevano un riflesso pressorio di esercizio notevolmente più debole, che è stato dimostrato da un piccolo aumento della pressione sanguigna. Ciò suggerisce che la neuropatia si era sviluppata fino al punto in cui i nervi non erano in grado di trasmettere sufficientemente le informazioni dai muscoli. Presi insieme, flusso di sangue al cuore e al cervello, potenzialmente portano ad un attacco di cuore o ictus.

“Questi nuovi risultati forniscono nuove conoscenze sugli effetti di T1DM sul controllo autonomo della circolazione durante l’esercizio nel corso del diabete e evidenziano un’altra grave implicazione che il T1DM ha sul sistema cardiovascolare”, ha scritto il team di ricerca. A causa di questi cambiamenti potenzialmente dannosi nella riflesso della risposta, le persone con T1DM vanno incoraggiate a prendere precauzioni che li portino alimitare l’ intensità dell’esercizio , hanno notato.