Ricerca

Infanzia con maggiore apporto di vitamina D riduce rischio diabete tipo 1

Ottenere abbastanza vitamina D durante l’infanzia è associato ad un rischio ridotto di autoimmunità delle isole tra i bambini a maggior rischio genetico per il diabete di tipo 1, secondo uno studio pubblicato questa settimana nel giornale Diabetes.

DIABETEASY per partecipare clicca qui

 

L’autore principale dello studio, Jill Norris, MPH, PhD, della Scuola di salute pubblica del Colorado presso la CU Anschutz e i suoi coautori hanno esaminato l’associazione tra i livelli di vitamina D nel sangue e l’autoimmunità nell’isola.
L’autoimmunità dell’isola, rilevata da anticorpi che si presentano quando il sistema immunitario attacca le cellule isolane nel pancreas che producono l’insulina, è un precursore del diabete di tipo 1.
“Da diversi anni c’è stata polemica tra gli scienziati se la vitamina D abbassa il rischio di sviluppare l’autoimmunità delle isole e il diabete di tipo 1”, ha dichiarato il dottor Norris.
Il diabete di tipo 1 è una malattia autoimmune cronica che sta aumentando del 3-5 per cento in tutto il mondo. La malattia è oggi il più comune disturbo metabolico nei bambini di età inferiore ai 10 anni. Nei bambini più piccoli, il numero di nuovi casi è particolarmente elevato. E i rischi sembrano essere più grandi a latitudini più elevate: più a nord dall’equatore.
La vitamina D rappresenta un fattore protettivo per il diabete di tipo 1 in quanto regola il sistema immunitario e l’autoimmunità. Inoltre, lo stato della vitamina D varia in base alla latitudine. Ma le associazioni tra i livelli di vitamina D e l’autoimmunità dell’isola sono incoerenti. Ciò può essere dovuto a diversi disegni di studio, alla variazione della popolazione nei livelli di vitamina D o a un mancato riconoscimento dell’effetto combinato dell’esposizione e della variazione genetica sottostante nel percorso della vitamina D.
I risultati sono parte dei determinanti ambientali del diabete giovanile nello studio (TEDDY), una grande ricerca multinazionale finanziata dall’Istituto Nazionale per la Salute.
Lo sforzo di TEDDY è iniziato nel 2004 con i bambini di sei centri clinici: tre negli Stati Uniti (Barbara Davis Center per il diabete di infanzia a CU Anschutz, l’Istituto di ricerca nord-occidentale del Pacifico a Seattle e l’Università di Augusta in Georgia) e tre in Europa (Università di Turku, Oulu e Tampere in Finlandia, Helmholtz Zentrum München in Germania e Lund University in Svezia). Lo scopo dello studio è quello di cercare la miccia e i fattori protettivi per il diabete di tipo 1 in 8.676 bambini con rischio elevato per la patologia.
I bambini nello studio TEDDY sono stati seguiti con campioni di sangue prelevati ogni tre-sei mesi dall’infanzia, per determinare la presenza di autoimmunità nelle isole, così come i livelli di vitamina D.
Gli autori hanno confrontato 376 bambini che hanno sviluppato autoimmunità nelle isole con 1.041 bambini che non l’hanno fatto. Gli autori hanno scoperto che nei bambini con una variante genetica nel gene del recettore della vitamina D, i livelli di vitamina D nell’infanzia erano inferiori in quelli che hanno continuato a sviluppare l’autoimmunità delle isole rispetto a coloro che non l’hanno sviluppata l’ autoimmunità .
Questo studio è il primo a dimostrare che livelli più elevati di vitamina D nell’infanzia sono significativamente associati ad un rischio ridotto di autoimmunità nelle isole.
“Poiché questa associazione non dimostra cause ed effetti, guardiamo a futuri studi prospettici per confermare se un intervento con vitamina D possa aiutare a prevenire il diabete di tipo 1 “, ha dichiarato il dottor Norris.



Categorie:Ricerca

Con tag: