Batticuore

La rigidità arteriosa legata all’incidenza del diabete tipo 2

Pubblicità e progresso
Pubblicità e progresso

La rigidità arteriosa aumentata, misurata con la velocità dell’onda di impulso carotideo-femorale (cf PWV), è associata ad una maggiore incidenza del diabete, secondo uno studio pubblicato on line il 29 settembre in Diabetes Care.

Pubblicità e progresso

DIABETEASY per partecipare clicca qui

Iram Faqir Muhammad, dell’Università di Lund in Svezia, e colleghi hanno esaminato la correlazione tra la rigidità arteriosa misurata dal cP PWV e l’incidenza del diabete in una popolazione di partecipanti dalla coorte cardiovascolare di Malmö. I dati sono stati inclusi per 2.450 individui (età media, 71,9 ± 5,6 anni).
I ricercatori hanno scoperto che 68 partecipanti (2,8 per cento) hanno sviluppato il diabete durante un follow-up medio di 4,43 ± 1,4 anni. I soggetti nel primo, secondo e terzo terzo di cf PWV avevano un’incidenza di diabete di 3,5, 5,7 e 9,5 rispettivamente anni di persona. Il rapporto di rischio per il diabete era rispettivamente 1 (riferimento), 1,83 e 3,24 per i terzili di cf PWV dopo la regolazione per potenziali confondenti.
“L’aumentata cf PWV è associata ad una maggiore incidenza del diabete, indipendente da altri fattori di rischio. Questi risultati suggeriscono che l’aumento della rigidità arteriosa è un marker di rischio precoce per lo sviluppo del diabete tipo 2 “, scrivono gli autori.



Pubblicità e progresso