Terapie

Il ragazzo diabetico tipo 1 con la paghetta si controlla la glicemia

Per i bambini con diabete di tipo 1, il monitoraggio quotidiano dei livelli di glucosio nel sangue è fondamentale perché la consapevolezza della glicemia detta il resto della loro cura per il diabete, come gli adattamenti della dose di insulina, i comportamenti alimentari e l’attività fisica. Tuttavia, gli studi hanno dimostrato che il controllo glicemico diabetico spesso si deteriora durante l’adolescenza, portando ad aumentare i rischi di complicazioni costose e potenzialmente pericolose per la vita. Un nuovo studio dimostra che l’utilizzo di piccoli incentivi finanziari e strumenti di monitoraggio accessibili come i glucometri wireless e le applicazioni possono motivare i giovani a svolgere un ruolo più attivo nella gestione delle loro condizioni. Secondo quanto producono i risultati di uno studio di controllo randomizzato, condotto dai ricercatori della Scuola di medicina Perelman dell’Università della Pennsylvania e della Scuola di medicina di Duke University,

DIABETEASY per partecipare clicca qui

 

Gli interventi economici comportamentali che utilizzano incentivi finanziari sono stati utilizzati con successo per aumentare l’aderenza ai regimi di gestione delle malattie croniche nelle popolazioni adulte ma non sono ancora stati ampiamente testate nelle popolazioni più giovani. Gli autori dicono che lo studio, pubblicato oggi in JAMA Pediatrics, dimostra che la strategia può essere un modo efficace per raggiungere una popolazione storicamente considerata difficile da impegnarsi.
“I giovani sono spesso finanziariamente dipendenti da altri, come i loro genitori, facendo degli incentivi finanziari un’opzione interessante per incoraggiarli a diventare più impegnati nella propria salute quando si spostano all’età adulta”, ha affermato Charlene Wong, MD, professore ordinario di pediatria presso la Scuola di medicina di Duke University. “I nostri risultati hanno mostrato che offrendo un piccolo incentivo finanziario mensile si è migliorato significativamente il monitoraggio del glucosio giornaliero e suggerisce che incentivi finanziari simili potrebbero essere anche un modo efficace per migliorare la gestione di altre condizioni croniche di salute nei giovani, ad esempio l’adesione al farmaco in coloro che hanno ricevuto trapianti o con l’asma.
Nello studio, una novantina di partecipanti tra i 14 ei 20 anni con diabete di tipo 1 poco controllato che ricevono assistenza al Centro Diabetologico Pediatrico presso l’ospedale di Philadelphia sono stati assegnati obiettivi giornalieri di monitoraggio del glucosio nel sangue di quattro o più controlli al giorno con uno o più livelli all’interno della gamma obiettivo (70-180 mg / dL). I controlli e i livelli per tutti i partecipanti sono stati raccolti utilizzando un glucometro wireless, che ha trasmesso i dati sugli smartphone dei partecipanti, consentendo loro di vedere il progresso e le tendenze nel tempo. Durante il periodo di intervento di tre mesi, i partecipanti hanno ricevuto $ 60 come incentivo in un conto virtuale all’inizio di ogni mese, da cui sono stati dedotti $ 2 per ogni giorno che gli obiettivi di controllo non erano stati raggiunti. Durante il periodo di follow-up di tre mesi, gli incentivi non sono stati interrotti.
I risultati dello studio hanno mostrato nel gruppo di incentivi finanziari, i partecipanti hanno raggiunto gli obiettivi di controllo per circa il 50 per cento del tempo, rispetto al solo 18,9 per cento dei partecipanti al gruppo di controllo. L’aderenza agli obiettivi di monitoraggio del glucosio è diminuita in entrambi i gruppi durante il periodo di follow-up (15,3 per cento nel gruppo di intervento e 8,7 per cento nel gruppo di controllo). Nonostante un significativo aumento del monitoraggio quotidiano, i cambiamenti nei livelli di glucosio nel sangue non sono stati significativamente diversi tra i gruppi durante gli interventi o i periodi di follow-up.
“Le applicazioni sanitarie digitali ei dispositivi wireless stanno crescendo in popolarità soprattutto tra le popolazioni più giovani, ma ci sono state limitate prove su come da questi approcci si può trarre vantaggio da coloro che presentano condizioni croniche”, ha dichiarato Mitesh Patel, MD, direttore della Penn Medicine Nudge Unit. “Questo è uno dei primi studi che combina incentivi finanziari con i glucometri wireless e dimostra come gli approcci economici comportamentali si mostrano una promessa nell’aiutare i giovani a gestire meglio il loro diabete”.



Categorie:Terapie

Con tag:,