Mangiare

Gli orsi non sono preoccupati dalla dieta ad alto contenuto di grassi saturi

Brown bear (Ursus arctos) growling, close-up, Washington, USA

I Grizzly non mostrano segni clinici di malattia dopo il consumo a breve termine di grassi saturi ma gli scienziati si interrogano sulla salute a lungo termine

I campeggi e cottage sono luoghi di evasione per gli esseri umani. Sono anche luoghi dove gli orsi grizzly stanno acquisendo appetiti per i cibi umani che sono ad alto contenuto di grassi saturi. Le diete ad alto contenuto di grassi saturi sono associate a molte malattie nell’uomo. Anche la salute di un orso ne soffre?

Un nuovo studio pubblicato nel Canadian Journal of Zoology ha scoperto che gli orsi rinchiusi in gabbia si alimentano con una dieta ad alta percentuale di grassi saturi e basso contenuto di grassi polinsaturi “sani”, e non mostravano sintomi di malattia tipicamente osservati negli esseri umani che mangiano cibi ad alto contenuto di grassi saturi come la resistenza all’insulina, un precursore del diabete di tipo 2.

I ricercatori dell’università dello Stato di Washington (WSU) hanno nutrito con una delle due diete prima del letargo, una ad alto contenuto di grassi polinsaturi con avena e salmone e l’altra con grassi saturi contenenti carni bovine e formaggio. Gli orsi sono stati alimentati da maggio a fine ottobre e sono andati in letargo durante l’inverno. In primavera quando si svegliati è stato il tempo per un controllo della salute.

Gli alimenti che nutrono la dieta ad alto contenuto di grassi saturi hanno ottenuto una carico relativamente pulito per la salute – i loro livelli di colesterolo e insulina erano uguali agli orsi che hanno mangiato con una dieta ad alto contenuto di grassi sani.

Ma una di lieve infiammazione cardiaca testata negli orsi alimentati con dieta ad alto contenuto di grassi saturi solleva domande sulla salute dei pachidermi liberi in natura, che si nutrono di rifiuti umani per tutta la loro vita.

“Mentre gli orsi grizzly erano relativamente resistenti a sviluppare squilibri metabolici gravi o malattie cliniche aperte a causa di un’elevata dieta satura di grassi, è importante notare che questo studio si è registrato in una sola singola stagione di alimentazione”, afferma Danielle Rivet. Le anomalie del cuore e delle infiammazioni rilevate “potrebbero manifestarsi in sintomi oggettivi della malattia (ossia insulino-resistenza, colesterolo alto o ipertensione cronica) in orsi che si affidano pesantemente ai rifiuti umani o stanno in gabbia a lungo termine”.

In autunno, si “mangia voracemente”e si  genera grasso corporeo che metabolizzerà e sopravviverà durante l’ibernazione invernale. Gli orsi possono accumulare 30-40% di grasso corporeo, percentuali considerate “obese o morbosamente obese” per gli standard umani. “L’obesità come definita dagli standard umani può essere sana o addirittura necessaria per questa specie per prosperare e riprodursi”, dice Rivet. E ancora, Rivet suggerisce che “alcuni tipi di grassi possono essere migliori o più sani di altri” per il foraggiamento degli orsi.

Rivet raccomanda che la “disponibilità di rifiuti umani nelle aree naturali abitate da orsi dovrebbe essere eliminata”.



Categorie:Mangiare

Con tag:,