Sport e movimento

L’attività fisica riduce il rischio di mortalità per tutti i casi di diabete di tipo 1, con o senza complicanze cardiovascolari

L’esercizio fisico è associato ad un rischio ridotto sia per mortalità cardiovascolare che per tutti i casi di pazienti con diabete di tipo 1, riferiscono i ricercatori in Finlandia.

DAMMI RETTA ADOTTA UNA PROVETTA: SOSTIENI LA RICERCA PER LA CURA DEL DIABETE TIPO 1

Ricerca pubblicata su Diabetes Care

La mortalità è stata ridotta anche nei pazienti con diabete di tipo 1 e malattie renali croniche.

“Un elevato livello di attività fisica o di tempo libero idoneamente impiegato è associato a un rischio ridotto di mortalità precoce nella popolazione generale e negli individui con diabete di tipo 1, ma se questo è vero per i pazienti con questa tipologia di diabete, non è ancora stato determinato perché le prove disponibili sono limitate “, ha scritto Per-Henrik Groop, MD, professore di medicina interna presso l’Università di Helsinki e colleghi. “Solo pochi studi prospettici hanno esplorato l’associazione dell’attività fisica e mortalità nel diabete di tipo 1 e nessuna è stata eseguita in pazienti con T1D e malattie renali croniche”.

Groop e colleghi hanno condotto uno studio prospettico e osservazionale su 2.639 pazienti con diabete di tipo 1 iscritti allo studio finlandese sulla nefropatia diabetica, una ricerca nazionale in corso in Finlandia. Il follow-up medio è stato di 11,4 anni e i ricercatori hanno utilizzato un questionario validato di auto-segnalazione per analizzare le abitudini all’esercizio dei pazienti.

Della coorte totale, 310 pazienti (11,7%) avevano complicanze cardiovascolari (CKD). Poco meno della metà erano gli uomini (48,5%) e l’età media dei pazienti era di 40,1 anni.

Duecentosettanta pazienti sono morti durante il follow-up, hanno riferito Groop e colleghi. Di questi, il 27,8% (n = 75) erano morti correlate a patologie cardiovascolari (CV). L’attività fisica nel tempo libero è associata a ridotti tassi di mortalità per tutti i casi anche dopo che i ricercatori hanno regolato per nefropatia diabetica, il sesso, l’età all’insorgenza del diabete, la sua durata, la pressione sanguigna sistolica, il BMI, i trigliceridi e l’HbA1c.

I pazienti classificati come aventi bassi livelli di attività fisica nel tempo libero hanno avuto un tasso di mortalità cumulato superiore sui 10 anni (4,7%, 95% CI, 3,2% -6,2%) rispetto a quelli con moderata attività fisica (1,9%; 95% CI, 1,1% -2,7%) e alti livelli di attività fisica (1,8%, 95% CI, 0,4% -3,1%), Groop e colleghi hanno riportato.

Lo stesso vale per l’intensità dell’esercizio: i pazienti che hanno partecipato all’esercizio a bassa intensità avevano un tasso di mortalità CV sui 10 anni del 10% del 6,7% (95% CI, 4,7% -8,7%), mentre quelli che hanno partecipato ad attività di alta intensità avevano un tasso di mortalità per CV del 0,2% (95% CI, 0% -0,6%), hanno riferito i ricercatori.

Nei pazienti con CKD, 127 sono morti durante il follow-up. La quantità di attività fisica e la frequenza di esercizio fisico erano entrambi indipendentemente associati ad un rischio più basso per la mortalità per tutti i casi, secondo Groop e colleghi.

“I risultati mostrano che l’attività fisica è associata a riduzione della mortalità per tutte le cause oltreché  cardiovascolari nei pazienti con diabete di tipo 1”, hanno scritto Groop e colleghi. “Inoltre, mostriamo che un’associazione tra attività fisica e la riduzione della mortalità per tutti i casi nei pazienti con diabete di tipo 1 e CKD. Pertanto, l’esercizio deve essere raccomandato a tutti i pazienti con diabete di tipo 1, inclusi quelli con CKD “.

Disclosures: Groop riferisce che ha ricevuto borse di studio da Eli Lilly e Roche; ha ruolo consultivo con AbbVie, AstraZeneca, Boehringer Ingelheim, Eli Lilly, Janssen, Medscape, MSD, Novartis e Sanofi; e ha svolto conferenze per AstraZeneca, Boehringer Ingelheim, Eli Lilly, Genzyme, Novartis, NovoNordisk, MSD e Sanofi.