Vivo col Diabete

Ed ora si guarda avanti

Una ultima considerazione personale post evento Diabeteasy: si è stato un successo non solo per la folta partecipazione da tutta Italia, non solo per l’aver affrontato a tutto tondo tutti gli aspetti della cura e ricerca medico-scientifica sul diabete tipo 1. È stato un successo perché due strutture scientifiche (Miami e Milano) e quattro unità operative complesse ospedaliere e non di città diverse (Bologna, Milano, Modena) si sono messe a disposizione per una prima assoluta, quindi con tutti i rischi che questo poteva comportare, e per di più organizzato da un “manipolo” di diabetici tipo 1 autori di questo blog.

DAMMI RETTA ADOTTA UNA PROVETTA: SOSTIENI LA RICERCA PER LA CURA DEL DIABETE TIPO 1

Debbo dirvi che è stato un lavoro di preparazione molto impegnativo perché costruire e realizzare questo progetto a richiesto tempo ma io Klaudeta, Martina abbiamo creduto e lottato per realizzarlo poiché un diabetico tipo 1 è reale, non solo virtuale, vuole/deve essere informato, preparato e coinvolto sul percorso di cura perché alla fine si deve arrangiare a casa. Siamo senza cellule beta ma ci abbiamo messo tanto cuore e amore per raggiungere tale obbiettivo.

Ed ora si guarda avanti.

Infine due incisi: l’equipe del DRI e Diabetologia del San Raffaele è il top in questa categoria e hanno una capacità di comunicazione, chiarezza e coinvolgimento senza pari (se ci è venuta l’idea di fare Diabeteasy è per buona parte merito loro di averci accesso la miccia), ma per noi locali la sorpresa è stata vedere medici ricercatori del Sant’Orsola misurarsi in modo egregio con la dinamica dell’evento.

Si parla tanto di dialogo tra medici, scienziati e pazienti, società ecco il nostro è stato un significativo momento per dare forma, sostanza al concetto. Il diabete è una malattia complessa, quello giovanile richiede attenzioni aggiuntive e ascolto. Fino a poco tempo fa i titoli dei giornali erano dominati dalle polemiche dei contrari alle vaccinazioni, peccato che quando si fa qualcosa di costruttivo  per la salute collettiva, da parte delle istituzioni nessuno si sia fatto vedere (sia come dirigenza che amministratori a tutti i livelli).



Categorie:Vivo col Diabete

Con tag: