Terapie

Il codice stradale per i diabetici che utilizzano il sensore CGM Dexcom

Gli esperti della società USA di endocrinologia hanno sviluppato un metodo semplificato per l’uso del monitor continuo del glucosio Dexcom G5 Mobile (CGM) in grado di aiutare le persone con diabete a mantenere un migliore controllo dei loro livelli di glucosio, secondo due prospettive pubblicate nel Journal of Endocrine Society.

DAMMI RETTA ADOTTA UNA PROVETTA: SOSTIENI LA RICERCA PER LA CURA DEL DIABETE TIPO 1

La Endocrine Society raccomanda il CGM come gold standard per la gestione del diabete di tipo 1. I dispositivi, che possono essere utili anche per le persone con diabete di tipo 2, misurano i livelli di glucosio nel fluido interstiziale tra le cellule del corpo mediamente a intervalli di pochi minuti durante il giorno e la notte. La tecnologia può comunicare all’utente se i livelli di glucosio sono in aumento o in calo e monitorare le tendenze delle ultime ore.
Il CGM Dexcom G5 Mobile mostra le frecce di tendenza per consentire agli utenti di sapere se i loro livelli di glucosio sono in aumento o in calo e di anticipare gli sviluppi nelle ore successive.
“Mentre queste informazioni possono aiutare gli utenti di CGM a decidere la quantità di insulina da assumere, ci sono dati limitati disponibili su come calcolare le frecce di tendenza nel dosaggio  dell’insulina”, ha detto uno degli autori del report, membro della Endocrine Society Grazia Aleppo, MD, della Feinberg School of Medicine della Northwestern University di Chicago, Illinois. “Abbiamo sviluppato tabelle per aiutare i pazienti a calcolare facilmente come queste frecce dovrebbero influenzare le loro decisioni sul dosaggio dell’insulina.Questo nuovo strumento aiuterà le persone a mantenere un migliore controllo dei livelli di glucosio, riducendo al minimo le pericolose fluttuazioni della glicemia”.
Se i livelli di glucosio nel sangue sono persistentemente elevati, possono mettere una persona con diabete a rischio di sviluppare complicazioni a lungo termine come patologie microvascolari, che possono portare a insufficienza renale e perdita della vista. Quando i livelli di glucosio scendono al di sotto di un certo livello, un individuo può sperimentare l’ipoglicemia che, in base alla sua gravità, può essere pericolosa o addirittura fatale.
“Questo nuovo metodo renderà più semplice per gli operatori sanitari aiutare i loro pazienti diabetici ad aggiustare le dosi di insulina basandosi sulle frecce di tendenza.A loro volta, le persone con diabete dovrebbero ricevere maggiori benefici dalla CGM e dai dati di tendenza raccolti dal dispositivo, “ha detto uno degli autori, Lori M. Laffel, MD, MPH, del Joslin Diabetes Center, della Harvard Medical School di Boston, Massachusetts.” Aiuterà le persone a mantenere i loro livelli di glucosio entro la media glicemica fissata, piuttosto che sperimentare una sostanziale variazione tra alti e bassi “.
Gli esperti hanno creato una tabella di aggiustamenti della dose di insulina per gli adulti e una tabella separata per bambini e adolescenti. Il metodo fornisce gli aggiustamenti della dose suggeriti nelle unità di insulina per semplificare i calcoli agli utenti CGM. Le tabelle sono state sviluppate sulla base della sensibilità all’insulina di un individuo. In altre parole, minore è la sensibilità all’insulina, maggiore è la regolazione della dose raccomandata.
I precedenti approcci all’utilizzo delle frecce di tendenza richiedevano calcoli complessi, come conoscere quantità precise di cibo consumato durante un pasto, quindi aggiungere una percentuale della dose per tenere conto della velocità delle frecce di cambiamento. Altri approcci includevano l’aggiunta di valori predeterminati ai livelli di glucosio e erano di uso limitato agli utilizzatori di CGM nelle penne per insulina, che possono solo regolare le loro dosi in incrementi predefiniti. La Società ha cercato di affinare gli approcci esistenti per affrontare queste sfide, tenendo conto sia delle persone con diabete sia degli adulti che di quelli in età pediatrica, mostrando una vasta gamma di sensibilità all’insulina.



Categorie:Terapie

Con tag: