Terapie

Il CGM in tempo reale migliora la consapevolezza ipoglicemica

Gli adulti con diabete di tipo 1 di vecchia data possono aumentare la consapevolezza dell’ipoglicemia e ridurre la gravità degli eventi ipoglicemici utilizzando il monitoraggio continuo della glicemia in tempo reale (CGM), ma la controregolazione endogena del glucosio è solo leggermente migliorata, mostrano i dati dello studio pubblicato su Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism.

DAMMI RETTA ADOTTA UNA PROVETTA: SOSTIENI LA RICERCA PER LA CURA DEL DIABETE TIPO 1

“Nel diabete di tipo 1 di vecchia data, i pazienti possono sviluppare una riduzione della consapevolezza dei sintomi dell’ipoglicemia che può contribuire a sperimentare gravi episodi di ipoglicemia in cui è necessaria l’assistenza di un’altra persona e può portare a convulsioni e coma”, Michael R. Rickels, MD, MS, professore associato di medicina nella divisione di endocrinologia, diabete e metabolismo presso la Perelman School of Medicine all’Università della Pennsylvania a Philadelphia, ha detto nel report.”Questo studio è stato intrapreso per determinare se la conoscenza in tempo reale dei livelli di glucosio, disponibile continuamente da una CGM, può aiutare in modo specifico i pazienti che stanno avendo l’ipoglicemia più problematica a sperimentare meno problematiche e criticità cliniche, e quindi recuperare la consapevolezza dei sintomi e le difese fisiologiche contro lo sviluppo di bassi livelli di glucosio nel sangue. ”

Rickels e colleghi hanno valutato i dati su 11 adulti con diabete di tipo 1 per più di 10 anni (durata media 31 anni, media HbA1c, 7,2%, fabbisogno giornaliero medio di insulina, 0,5 U / kg -1 , 8 con pompa per insulina) e 12 adulti senza diabete per determinare se la CGM in tempo reale può essere utilizzata come strategia per evitare l’ipoglicemia e migliorare la controregolazione endogena del glucosio. rilevatori ipoglicemici ed euglicemici sono state utilizzati per misurare la risposta alla produzione endogena di glucosio prima, 6 e 18 mesi dopo l’inizio del CGM.

La consapevolezza dell’ipoglicemia ( P <.01) e gravità ( P <.001) sono migliorate nei partecipanti con diabete di tipo 1 durante il periodo di intervento; una tendenza è stata osservata anche per una riduzione della labilità glicemica ( P = .1).

Durante il clamp ipoglicemico, l’iperinsulinemia era comparabile nei controlli e nei partecipanti con diabete di tipo 1 prima, 6 e 18 mesi dopo l’implementazione della CGM in tempo reale.

La risposta fisiologica nei partecipanti con diabete non è cambiata da prima a 6 mesi dopo l’inizio della CGM; tuttavia, la produzione endogena di glucosio è migliorata sui 18 mesi ( P <0,05 rispetto alla misurazione pre-CGM, ma è rimasta inferiore rispetto ai controlli ( P .01 per tutti i confronti.

“Questi risultati sono significativi perché in assenza di difese fisiologiche contro lo sviluppo dell’ipoglicemia, potrebbe essere necessario un uso pressoché costante del CGM per ridurre al minimo il carico di ipoglicemia problematica in pazienti con diabete di tipo 1 di vecchia data”, ha affermato Rickels. “Tali pazienti trarrebbero beneficio da una copertura assicurativa sanitaria più coerente e universale per questo intervento potenzialmente salvavita”.



Categorie:Terapie

Con tag:,