Complicanze varie/eventuali

Risposta ridotta

L’aumento dei livelli di glucosio nel cervello è attenuato durante l’iperglicemia negli adulti con obesità e diabete mellito di tipo 2 (T2DM), secondo uno studio pubblicato online il 19 ottobre in JCI Insight.

DAMMI RETTA ADOTTA UNA PROVETTA: SOSTIENI LA RICERCA PER LA CURA DEL DIABETE TIPO 1
Janice J. Hwang, MD, della Yale School of Medicine di New Haven, Connecticut, e colleghi hanno condotto la scansione con spettroscopia a risonanza magnetica H 1 del lobo occipitale per misurare il cambiamento dei livelli di glucosio intracerebrale durante un clamp iperglicemico di due ore (glucosio ~ 220 mg / dl) tra 25 partecipanti (nove partecipanti sani, 10 partecipanti obesi senza diabete e sei pazienti con T2DM mal controllato, con insulina e metformina).
I ricercatori hanno scoperto che, dopo aver controllato per età e sesso, nonostante livelli simili di glucosio plasmatico al basale e durante iperglicemia, il cambiamento nel glucosio intracerebrale era significativamente differente tra i gruppi. Gli incrementi del glucosio cerebrale erano più bassi nei partecipanti con obesità e T2DM rispetto ai partecipanti magri. Inoltre, durante l’iperglicemia, il cambiamento nel glucosio cerebrale era inversamente correlato con i livelli di acidi grassi liberi nel plasma.
“Questi dati suggeriscono che l’obesità e il T2DM scarsamente controllato riducono progressivamente le risposte del glucosio cerebrale all’iperglicemia, che ha importanti implicazioni per la comprensione non solo del comportamento alimentare alterato, ma anche delle conseguenze neurocognitive avverse associate all’obesità e al DMT2”, concludono gli autori.
Diversi autori hanno rivelato legami finanziari con l’industria farmaceutica.