Terapie

Il diabete di tipo 1 è comune sia negli adulti che nei bambini, ma molti adulti hanno avuto una diagnosi errata

Il diabete di tipo 1 non è prevalentemente una “malattia dell’infanzia” come si finora creduto, ma è ugualmente prevalente negli adulti, una nuova ricerca pubblicata im Lancet Diabetes & Endocrinology lo evidenzia.

Pubblicità e progresso

DAMMI RETTA ADOTTA UNA PROVETTA: SOSTIENI LA RICERCA PER LA CURA DEL DIABETE TIPO 1

La ricerca dell’Università di Exeter Medical School con la Biobanca britannica ha rilevato che gli adulti hanno la stessa probabilità di sviluppare il diabete di tipo 1 come i bambini, con oltre il 40 per cento dei casi di diabete di tipo 1 che si verificano dopo i 30 anni.

Ma molti di quelli con diabete di tipo 1 dopo i 30 anni si pensa che abbiano inizialmente il diabete di tipo 2 e non vengono inizialmente trattati con insulina per tenere controllati i livelli di zucchero nel sangue . Una precedente ricerca pubblicata dall’Università di Exeter Medical ha rilevato che, in media, c’è voluto un anno per quelli con diabete di tipo 1 che era stato diagnosticato erroneamente il tipo 2 prima di passare all’insulina.

Tra gli adulti con diabete di tipo 1 che sono stati diagnosticati erroneamente è c’è Theresa May, il primo ministro, a cui inizialmente è stato detto dai medici che aveva il diabete di tipo 2 e le compresse non controllavano la sua glicemia.

La distinzione tra diabete di tipo 1 o di tipo 2 è importante poiché influenza il trattamento necessario. Nel diabete di tipo 1 le cellule immunitarie distruggono le cellule beta produttrici di insulina del corpo e le persone hanno bisogno di iniettarsi più volte al giorno l’insulina per controllare i livelli dello zucchero nel sangue. Con il diabete di tipo 2 c’è ancora insulina prodotta, quindi può essere trattata inizialmente con la dieta e terapia con compresse.

Il diabete di tipo 1 è stato generalmente visto come una malattia dell’infanzia e dell’adolescenza poiché rappresenta oltre l’85% del diabete sotto i 20 anni. 

Ma i casi di tipo 1 sono più difficili da riconoscere e diagnosticare correttamente negli adulti perché molte più persone sviluppano il diabete di tipo 2 in età avanzata. Il tipo 2 rappresenta il 96% dei casi di diabete tra i 31 ei 60 anni, la ricerca evidenzia.

Un indizio cruciale della possibilità di un diabete di tipo 1 ad insorgenza in età adulta è il fallimento delle compresse nel controllare il glucosio nel sangue. Anche i pazienti di tipo 1 con insorgenza in età adulta sono magri rispetto ai pazienti di tipo 2 che sono spesso obesi.

Il team di ricerca sul diabete dell’Università di Exeter ha concluso che, anche se molto meno comune rispetto al diabete di tipo 2 in età adulta, è fondamentale che il tipo 1 sia diagnosticato e trattato correttamente in quanto si può mettere in pericolo la vita. Hanno scoperto che uno su nove dei diabetici di tipo 1 adulta è stato ricoverato in ospedale con chetoacidosi diabetica, una condizione potenzialmente fatale che si sviluppa quando i pazienti di tipo 1 non ricevono l’insulina.

Lo studio, la frequenza e il fenotipo del diabete di tipo 1 nei primi sei decenni di vita: un’analisi di sopravvivenza cross-sectional, geneticamente stratificata da UK Biobank, pubblicata su Lancet Diabetes & Endocrinology, è il primo studio a utilizzare una nuova analisi genetica per identificare il diabete di tipo 1 negli adulti. Ciò consente loro di identificare casi di diabete di tipo 1 non rilevati dai medici.

Il dott. Richard Oram, docente e medico presso l’Università di Exeter, ha dichiarato:

“I libri di testo del diabete per i medici dicono che il diabete di tipo 1 è una malattia dell’infanzia, ma il nostro studio mostra che è prevalente per tutta la vita. L’assunzione tra molti medici è che gli adulti che presentano i sintomi del diabete avranno il tipo 2, ma questo equivoco può portare a diagnosi errata con conseguenze potenzialmente gravi. Il primo ministro è un esempio di qualcuno a cui è stato diagnosticato erroneamente in questo modo in un primo momento. Questo studio dovrebbe aumentare la consapevolezza che il diabete di tipo 1 si manifesta durante l’età adulta ed essere considerato nella diagnosi. ”

Il professor Andrew Hattersley, professore di medicina molecolare presso l’Università di Exeter e diabetologo presso il Royal Devon e Exeter NHS Foundation Trust, ha dichiarato:

“Il diabete di tipo 1 viene spesso scambiato per il tipo 2 negli adulti. La diagnosi del diabete di tipo 1 nella mezza età è molto difficile perché quasi tutti i pazienti con diabete di questa età hanno il tipo 2. Non si riconosce che diabete di tipo 1 piuttosto che di tipo 2 e la mancanza di trattamento appropriato con insulina può essere pericoloso: il diabete di tipo 1 deve essere preso in considerazione per qualsiasi paziente che non risponda rapidamente a dosi di compresse in aumento, specialmente se sono magre “.

Lo studio è stato finanziato dal Wellcome Trust e Diabetes UK.



Categorie:Terapie

Con tag:,