Microinfusore/CGM/Pancreas artificiale

Lilly avvia una sperimentazione clinica per valutare la funzionalità e sicurezza del proprio sistema di somministrazione automatica d’insulina

System è una delle due piattaforme in sviluppo per il suo Connected Diabetes Ecosystem

Pubblicità

Ieri è stato marcato il dosaggio al primo paziente con diabete di tipo 1 in uno studio di fattibilità per valutare la funzionalità e la sicurezza di un sistema di somministrazione automatica dell’insulina (AID) in fase di sviluppo da parte di Eli Lilly and Company. Il sistema AID fa parte del Connected Diabetes Ecosystem, progettato per facilitare la gestione del diabete, consentendo alle persone di usare l’insulina in modo più efficace.

DAMMI RETTA ADOTTA UNA PROVETTA: SOSTIENI LA RICERCA PER LA CURA DEL DIABETE TIPO 1

Il sistema AID è una piattaforma ibrida a circuito chiuso che utilizza dispositivi collegati – un microinfusore per insulina con un controller dedicato, un algoritmo di dosaggio e un monitor glicemico continuo – per automatizzare il dosaggio dell’ormone. Questi componenti sono progettati per interagire automaticamente e regolare i tassi di infusione di insulina così da mantenere i livelli di zucchero nel sangue entro un intervallo target specificato.

“Questo trial rappresenta un significativo passo avanti per il programma Lilly’s Connected Care, facendo in modo che il Connected Diabetes Ecosystem possa essere reso presto disponibile per milioni di persone con diabete che hanno bisogno di un modo più semplice ed efficace per usare l’insulina”, ha detto Marie Schiller , vicepresidente del Connected Care e responsabile del sito, Cambridge Innovation Centre.

Il sistema AID è una delle due piattaforme in sviluppo per l’ecosistema. L’altro è un sistema integrato di gestione dell’insulina, che combina una penna insulinica connessa con tecnologie di rilevamento del glucosio e applicazioni software per fornire raccomandazioni personalizzate sulla dose di insulina. Entrambe le piattaforme all’interno dell’ecosistema sono attualmente in fase di sviluppo, e nei prossimi mesi saranno avviate ulteriori sperimentazioni cliniche in entrambe le persone, con diabete di tipo 1 e tipo 2, che usano insulina. In collaborazione con una varietà di partner, Lilly sta lavorando per rendere queste piattaforme disponibili per i pazienti entro due o tre anni, in attesa dell’approvazione della FDA.

Circa 30 milioni di americani 1 e circa 425 milioni di adulti in tutto il mondo hanno il diabete. 2 Il diabete di tipo 2 è il tipo più comune e rappresenta circa il 90-95% di tutti i casi di diabete negli Stati Uniti. Il diabete è una malattia cronica che si verifica quando il corpo non produce correttamente o utilizza l’insulina ormonale.



Pubblicità