Ricerca

Gli scienziati russi hanno sviluppato nuovi approcci per il trattamento del diabete

Un team di scienziati dell’Università Federale degli Urali (UrFU) e del Dipartimento dell’Accademia Russa delle Scienze ha modellato il diabete di tipo 1 in un esperimento per studiare i processi di recupero nel pancreas.

DAMMI RETTA ADOTTA UNA PROVETTA: SOSTIENI LA RICERCA PER LA CURA DEL DIABETE TIPO 1

Un gruppo di scienziati dell’Università Federale degli Urali (UrFU) e dell’Istituto di Immunologia e Fisiologia (IIP, Dipartimento degli Urali dell’Accademia Russa delle Scienze) ha modellato il diabete di tipo 1 in un esperimento per studiare i processi di recupero nel pancreas. I risultati dello studio aiuteranno a sviluppare nuovi approcci per il trattamento del diabete. L’articolo dei ricercatori è stato pubblicato sulla rivista Biomedicine & Pharmacotherapy.

“Abbiamo deciso di creare nuovi approcci per la prevenzione e il trattamento del diabete utilizzando composti chimici antidiabetici sintetizzati.E ‘stato importante per noi capire la modalità della loro azione su cellule, tessuti, organi e a livello corporeo” – ha detto Irina Danilova, autrice della ricerca, responsabile di una borsa della Russian Science Foundation, dottore in biologia, capo del dipartimento di biochimica medica e biofisica di UrFU e capo del laboratorio di morfologia e biochimica presso il dipartimento degli Urali dell’Accademia Russa delle scienze.

Il diabete di tipo 1 è una grave malattia cronica causata dalla cessazione della produzione di insulina nel pancreas che porta ad un aumento dei livelli di zucchero nel sangue e a danni graduali su diversi organi e tessuti. Ad esempio, alti livelli di glucosio nel sangue attivano lo stress ossidativo – maneggiando le proteine, lipidi e molecole del DNA da parte dei radicali liberi. Un altro notevole meccanismo di danno tissutale associato al diabete è la glicosilazione non enzimatica (glicazione) delle proteine. Nel corso di questo processo il glucosio interagisce con gruppi amminici di proteine ??senza la partecipazione di enzimi. Nelle persone sane questa reazione è lenta, ma se il livello di zucchero nel sangue è alto, la glicazione si accelera e provoca danni irreversibili ai tessuti.

I pazienti con diabete di tipo 1 necessitano di iniezioni giornaliere di insulina. Gli scienziati sono interessati a trovare un composto chimico che attivi i processi di rigenerazione nelle cellule danneggiate dai radicali liberi. Per farlo, hanno deciso di studiare il potenziale dei composti che sono in grado di eliminare sia il metabolismo (stress ossidativo e glicemia proteica) sia i disordini immunologici (risposta infiammatoria) associati al diabete.

Prima di tutto, hanno selezionato i composti eterociclici di 1,3,4-tiadiazina sintetizzati in UrFU nel Dipartimento di Chimica Organica e Biomolecolare sotto la guida di Oleg Chupakhin (Accademia Russa delle Scienze). Queste sostanze hanno proprietà antiossidanti e anti-glicazione. Quindi i ricercatori hanno testato i composti su ratti da laboratorio con diabete.

“Abbiamo cercato di eliminare i disordini associati al diabete utilizzando sostanze derivate di 1,3,4-tiadiazina e, di conseguenza, i livelli di glucosio e di emoglobina glicosilata nel sangue dei ratti sono diminuiti e il livello di insulina è aumentato. i composti che bloccano il meccanismo patogenetico di cui sopra possono potenzialmente essere trasformati in farmaci per il trattamento di questa malattia socialmente significativa “- ha concluso Irina Danilova.



Categorie:Ricerca

Con tag:,