Compliance

I pazienti più giovani di nuova diagnosi con diabete di tipo 2 sono colpiti duramente dalla malattia

I fattori di rischio per lo sviluppo di malattie cardiovascolari o di danni agli occhi e ai reni dopo il diabete di tipo 2 sono molto più comuni tra i pazienti con diagnosi prima dei 45 anni rispetto ai pazienti anziani di nuova diagnosi.

La visione comune del diabete di tipo 2 come malattia di una persona anziana sta diventando seriamente obsoleta al passo con il crescente numero di persone di età inferiore ai 45 anni che sviluppano la patologia. Una nuova ricerca dell’Università di Aarhus ora mostra che i giovani di recente diagnosi di diabete di tipo 2 hanno una salute significativamente più povera e quindi con un alto rischio di complicazioni ritardate rispetto ai pazienti con diabete di tipo 2 che contraggono la malattia vent’anni più tardi nella vita.

DAMMI RETTA ADOTTA UNA PROVETTA: SOSTIENI LA RICERCA PER LA CURA DEL DIABETE TIPO 1

Inoltre, i pazienti giovani di nuova diagnosi non sono soddisfatti da un settore sanitario che non è preparato per tale gruppo di pazienti. Hanno esigenze speciali di trattamento intensivo e supporto, e non ne ricevono abbastanza. Questo è secondo i ricercatori dietro lo studio di ricerca, diretto dalla dottoranda Anne Bo e dalla professoressa Helle Terkildsen. Lo studio è stato appena pubblicato nella rivista scientifica Diabetes / Metabolism Research and Reviews.

Lo studio è basato su 5.115 persone che hanno ricevuto una diagnosi con diabete di tipo 2 entro due anni. 516 di queste persone hanno meno di 45 anni. Nel caso del venti per cento dei pazienti più giovani, i ricercatori hanno scoperto i primi segni di danni ai reni, mentre il sette per cento mostrava segni di problemi agli occhi. Vedere i primi segni di complicazioni del diabete tra i giovani pazienti è molto serio, afferma la prof. Anne Bo dell’Università di Aarhus Danimarca.

“Quando i pazienti sono già affetti dal diabete di tipo 2 in così giovane età, il danno può svilupparsi in cecità, insufficienza renale o malattie cardiovascolari potenzialmente letali, poiché devono vivere con la malattia per decenni, in relazione ai fattori di rischio del gruppo, significa che il sistema sanitario può iniziare una prevenzione migliore e più mirata. Sappiamo da studi precedenti che le persone con diabete di tipo 2 che ricevono un trattamento adeguato hanno un rischio minore di morte per malattie cardiache. “, dice Anne Bo.

Lo studio mostra che il gruppo di pazienti giovani di nuova diagnosi ha una situazione sanitaria molto più povera rispetto ai pazienti più anziani. I pazienti giovani sono più in sovrappeso, hanno livelli di zucchero nel sangue più bassi, livelli di colesterolo più alti e pressoché la stessa presenza di ipertensione.

La condizione dei più giovani con diabete di tipo 2 sembra anche sorprendere il sistema sanitario, afferma Anne Bo.

“Possiamo osservare dallo studio che i pazienti più giovani ricevono generalmente un trattamento troppo limitato molto meno preventivo con farmaci come gli antipertensivi, i farmaci ipolipemizzanti e gli anticoagulanti, inoltre dichiarano di fare poco esercizio e fumano di più dei pazienti anziani, il che indica la necessità di ripensare il modo in cui il settore sanitario organizza il trattamento del diabete di tipo 2, e non meno importante, come i giovani diabetici di tipo 2 incontrano gli operatori sanitari “, afferma Anne Bo.

Si riferisce alle esperienze personali dei pazienti che sono state registrate in connessione con lo studio. Vi sono esempi di pazienti che sono stati diagnosticati in una consultazione di 15 minuti con il loro medico di famiglia. Successivamente, potrebbero tornare a casa e ottenere maggiori informazioni daGoogle sulla convivenza con il diabete, trovando spesso alcune descrizioni severe e/o errate se non pericolose.

“Ricevere una diagnosi così seria è un grosso shock ed è molto scoraggiante essere mandati a casa dopo che gli è stato detto che dovresti tornare tra tre mesi per un controllo.Molti pazienti hanno un sacco di sensi di colpa e vergogna per il diabete di tipo 2 , che si relaziona con lo stile di vita. Si sentono molto soli quando si tratta di affrontare una malattia che è comunemente associata agli anziani, inoltre la comunicazione del medico generico è più spesso adattata ai vecchi e ciò può anche contribuire alla spiegazione del perché la salute del giovane e proporzionalmente più povera in questi pazienti “, afferma Anne Bo.

Normalmente, il diabete di tipo 2 è una malattia che le persone ottengono intorno ai sessanta anni, ma all’inizio di quest’anno una panoramica dello Steno Diabetes Center di Copenaghen ha dimostrato che la tendenza internazionale verso un numero sempre più giovane di malattie si applica anche alla Danimarca.

Tuttavia, la domanda sul perché il gruppo di pazienti diabetici più giovani stia crescendo è complessa, dice Helle Terkildsen Maindal, professore di promozione della salute presso l’Università di Aarhus, responsabile della ricerca presso lo Steno Diabetes Center di Copenhagen.

“L’obesità e l’inattività aiutano a scatenare il diabete in persone che sono forse predisposte per motivi ereditari o hanno un rischio geneticamente più elevato di diabete, di conseguenza, le abitudini alimentari e l’esercizio fisico svolgono un ruolo importante nella prevenzione”, afferma il professor Helle Terkildsen Maindal. Ma lei vuole lavorare per garantire che il diabete di tipo 2 non si trasformi in un problema individuale, anche se le persone possono fare molto per prevenire il peggioramento della malattia.

“Si tratta di una malattia che dipende in larga misura dalla società in cui viviamo e dalle sue condizioni di vita e abitudini: non è l’ignoranza o la pigrizia che porta al 50% delle persone tra 35 e 44 anni in Danimarca a essere sovrappeso e quindi a rischio di sviluppare il diabete di tipo 2. Riguarda le strutture sociali, le condizioni di lavoro e cose come il nostro esercizio e le abitudini alimentari. Inoltre, esiste un sistema sanitario che non è progettato in modo appropriato per questo gruppo. Il gruppo di età ha difficoltà a venire ai controlli perché si svolgono nel bel mezzo dell’orario di lavoro. I nostri prossimi studi riguarderanno il modo in cui organizziamo il trattamento e i servizi di supporto in base alle esigenze del gruppo target. Possiamo farlo coinvolgendo i pazienti più giovani stessi e i loro professionisti nello sviluppo delle misure preventive e del trattamento a loro offerti”, afferma Helle Terkildsen Maindal.