Terapie

La misurazione della qualità della vita è importante con il diabete

Pubblicità e progresso
Pubblicità e progresso

Riportano una peggiore qualità della vita (QoL) con un trattamento terapeutico più intenso, secondo uno studio pubblicato online il 28 novembre in Diabetes Care.

Pubblicità e progresso

DAMMI RETTA ADOTTA UNA PROVETTA: SOSTIENI LA RICERCA PER LA CURA DEL DIABETE TIPO 1

Clare Bradley, Ph.D., dell’Università di Londra, e colleghi hanno valutato i predittori (caratteristiche del paziente, aderenza riportata dal medico, complicanze e emoglobina glicosilata) per le misure di risultato riferiti dal paziente (PROM) tra 5.813 pazienti con diabete di tipo 2.

I ricercatori hanno scoperto che i punteggi medi PROM indicavano che la QoL era “buona”. La soddisfazione del trattamento riferita dal paziente ha superato le stime dei medici. La QoL peggiore è stata prevista intensificando i trattamenti a tre agenti orali o regimi di insulina (P <0,01). L’uso di solo insulina ha anche predetto una QoL peggiore (P <0,02), così come l’ipoglicemia (P <0,007). Non ci sono state associazioni significative tra qualsiasi trattamento e lo stato di salute su scala analogica visiva di EuroQoL-5 Dimension.

“I risultati dimostrano l’importanza di misurare la QoL insieme allo stato di salute e altri risultati riferiti dal paziente quando si valutano i trattamenti per il diabete al fine di proteggere la qualità della vita medesima e facilitare l’aderenza e il controllo glicemico a lungo termine”, scrivono gli autori.

Diversi autori hanno rivelato legami finanziari con le case farmaceutiche, tra cui AstraZeneca e Bristol-Myers Squibb, che hanno finanziato il processo.



Pubblicità e progresso

Categorie:Terapie

Con tag:,