Educazione

Le persone con diabete di tipo 2 hanno bisogno di maggiore sostegno, affermano i ricercatori

Heather Gainsforth, professore alla Scuola di igiene pubblica ed esercizio fisico della UBC Okanagan

La ricerca mostra il vecchio adagio ‘insegna a qualcuno a pescare’ invece di dare loro un pesce, ed ancor più importante quando si tratta di aiutare le persone con diabete di tipo 2.

DAMMI RETTA ADOTTA UNA PROVETTA: SOSTIENI LA RICERCA PER LA CURA DEL DIABETE TIPO 1

L’obiettivo era identificare le tecniche di cambiamento del comportamento utilizzate in 54 interventi dietetici per determinare cosa funziona quando si tratta di aiutare le persone a controllare il diabete e perdere peso, spiega Heather Gainforth di UBC Okanagan, l’autore senior dello studio.

Lo studio conclude: se agli individui viene fornito cibo sano, invece di lasciarli badare a se stessi, si ha una migliore possibilità di tener controllato il loro diabete.

La collaborazione internazionale, che ha esaminato oltre 42 anni di ricerca e migliaia di studi, ha coinvolto scienziati della National University of Ireland, tra cui docenti della Facoltà di Medicina, College of Engineering and Informatics, e il Centro di Ricerca sui Dispositivi Medici, insieme a ricercatori della facoltà della salute e sviluppo sociale di UBC Okanagan.

“Abbiamo esaminato sistematicamente 54 studi clinici che mirano ad aiutare le persone con diabete di tipo 2 a modificare il loro comportamento alimentare”, spiega Gainforth, un assistente professore alla Scuola di igiene pubblica ed esercizio della UBC Okanagan. “E abbiamo scoperto che gli interventisti utilizzavano 42 modi diversi per aiutare le persone: sebbene non esistesse un metodo semplice e chiaro, le persone con diabete di tipo 2 avevano più successo quando ricevevano pasti sani e avevano frequenti contatti con gli interventisti come i dietologi.”

Kevin Cradock, il primo autore dello studio e uno studioso post-laurea presso il NUI Galway, afferma che le tecniche di cambiamento comportamentale sono metodi per aiutare le persone a cambiare il loro comportamento usando una varietà di tecniche come obiettivi, pianificazione o ristrutturazione dell’ambiente.

“Cambiare l’ ambiente alimentare è una delle chiavi per il trattamento del diabete di tipo 2”, dice. “Prima di cambiare l’ambiente alimentare dobbiamo guardare attentamente a cosa è e come ci influenza”.

Il team di ricerca ha individuato tre specifiche tecniche di cambiamento del comportamento che possono aiutare le persone a controllare il loro diabete: problem solving, feedback sul comportamento e confronto sociale. Confrontando queste tecniche e componenti specifici degli interventi dietetici, una cosa è diventata chiara. Se alle persone viene fornito cibo e strumenti sani per aiutarli a seguire la loro dieta, possono avere più successo.

“Senza alcun supporto, gli sforzi per cambiare il comportamento possono rapidamente andare in pezzi”, afferma Gainforth. “Dobbiamo pensare a un modo migliore per sostenere le persone con diabete, potrebbe sembrare poco pratico fornire cibo e controllare l’ ambiente alimentare, ma dobbiamo esaminare la fattibilità di fornire pasti sani all’inizio di un programma, seguito da istruzioni e feedback su come scegliere, acquistare e preparare questi alimenti. A poco a poco, questo approccio può aiutare le persone a preparare pasti sani in modo indipendente. ”

Il coautore dello studio Francis Finucane afferma che lo studio è coerente con la loro comprensione che l’obesità e il diabete sono disturbi neurocomportamentali complessi. Questi disturbi sono fortemente determinati geneticamente e sono suscettibili di fattori ambientali.

“Se il diabete di tipo 2 è un’alluvione, piuttosto che incoraggiare le persone affette a nuotare di più, dovremmo cercare di abbassare il livello dell’acqua”, dice Finucane, che è anche un medico che tratta dell’obesità presso gli ospedali della Galway University.

Lo studio è stato pubblicato la scorsa settimana su Diabetes Care .



Categorie:Educazione

Con tag:,