Complicanze varie/eventuali

Alto tasso di successo riportato per la chirurgia del piede diabetico di Charcot

La maggior parte dei pazienti è libera da infezioni e in grado di camminare normalmente, rileva lo studio dell’Università di Loyola.

Quasi quattro pazienti diabetici su cinque con casi gravi di una condizione invalidante chiamata piede di Charcot sono stati in grado di camminare normalmente di nuovo dopo l’intervento, ha rilevato uno studio della Loyola Medicine.

DAMMI RETTA ADOTTA UNA PROVETTA: SOSTIENI LA RICERCA PER LA CURA DEL DIABETE TIPO 1

Lo studio dei chirurghi ortopedici Michael Pinzur, MD e Adam Schiff, MD, è pubblicato su Foot & Ankle International , la rivista ufficiale della American Orthopedic Foot & Ankle Society.

Il numero crescente di diabetici, in combinazione con l’epidemia di obesità, sta aumentando l’incidenza del piede di Charcot. La condizione si verifica in genere nei diabetici che hanno la neuropatia (danno ai nervi), che compromette la capacità di sentire dolore al piede. Il piede di Charcot si sviluppa in genere a seguito di una lesione minore, come una distorsione o una frattura da stress. Poiché il paziente non sente la ferita, lui o lei continua a camminare, peggiorando la lesione. Ciò può causare deformità o malposizione del piede, che alla fine può portare a ulcere e infezioni dell’osso.

“Il piede di Charcot è una condizione debilitante che è molto difficile da trattare”, ha detto il dott. Pinzur. “Ma con il giusto trattamento chirurgico, la maggior parte dei pazienti sarà in grado di camminare di nuovo normalmente.”

Loyola Medicine ha uno dei programmi leader nel paese per il trattamento del piede di Charcot, chiamato anche piede diabetico o artropatia di Charcot. Loyola adotta un approccio integrato, unendo le competenze di chirurghi ortopedici, podologi, endocrinologi e altri specialisti.

La maggior parte dei pazienti può essere trattata con successo immobilizzando il piede. Ma una piccola percentuale di pazienti, come quelli nello studio Loyola, sviluppa gravi deformità o infezioni ossee.

Tradizionalmente, un trattamento di successo per un caso grave di piede di Charcot era definito nell’alleggerire  l’infezione e prevenire l’amputazione del piede. Lo studio Loyola ha utilizzato uno standard più severo: oltre a risolvere l’infezione e salvare il piede, il paziente doveva essere in grado di camminare fuori casa con l’uso di calzature terapeutiche disponibili in commercio. Usando questo standard più elevato, il 77,6 percento dei piedi ha avuto esiti favorevoli dopo l’intervento chirurgico.

Lo studio è svolto un esame retrospettivo su 214 pazienti con piede di Charcot sottoposti a intervento chirurgico dal Dr. Pinzur per un periodo di 12 anni. (Nove pazienti sono stati sottoposti a operazioni su entrambi i piedi). Complessivamente, 173 dei 223 piedi avevano risultati buoni o eccellenti. Un risultato eccellente è stato definito come privo di ulcere e infezioni e in grado di camminare fuori casa utilizzando calzature terapeutiche e protezioni del piede personalizzate. Un buon risultato è stato definito come infetto e privo di ulcere e in grado di camminare fuori casa con una modifica della calzatura personalizzata e/o un tutore corto alla caviglia.

Sette pazienti sono morti per cause non correlate entro un anno dall’intervento e 15 sono stati sottoposti ad amputazioni parziali o di tutto il piede.

Le percentuali di successo variavano in base al tipo di deformità del piede di Charcot. I pazienti con un modello di deformità in valgo avevano il più alto tasso di successo (87%). Il tasso di successo era del 70,3 per cento tra i pazienti con deformità del modello di dislocazione e del 56,3 per cento con un modello di deformità in varo.

Un trattamento comune per il piede di Charcot grave è mettere il paziente in una fusione. Ma le ossa possono guarire in posizioni deformate. È anche difficile o impossibile per i pazienti obesi camminare su una gamba quando l’altra gamba è nel cast. I pazienti devono tipicamente usare le sedie a rotelle per nove mesi, e dopo che il cast si è staccato, devono indossare un ingombrante tutore per le gambe.

Tuttavia, anche le tecniche chirurgiche tradizionali, in cui le ossa sono trattenute da placche e viti interne, sono impegnative. Le ossa già indebolite dalle complicazioni del piede di Charcot potrebbero collassare sotto il peso del paziente.

Il dr. Pinzur impiega una tecnica che protegge le ossa con un telaio esterno, realizzato in acciaio inossidabile e alluminio aeronautico. Il dispositivo, chiamato fissatore esterno circolare Ilizarov, contiene tre anelli che circondano il piede e il polpaccio. Gli anelli hanno perni in acciaio inossidabile che si estendono fino al piede e assicurano le ossa dopo l’intervento chirurgico.

Dopo l’intervento, il dispositivo rimane sul paziente da 10 a 12 settimane. Durante quel periodo, i pazienti sono spesso in grado di camminare o almeno di sopportare un certo peso. Dopo aver rimosso il dispositivo di fissazione, il paziente indossa un plantare speciale da quattro a sei settimane. Il paziente procede quindi verso uno stivale rimovibile e infine verso le scarpe per diabetici.

Lo studio si intitola “Deformità e risultati clinici a seguito della correzione operativa del piede di Charcot: una nuova classificazione con implicazioni per il trattamento”.

Infine il dr Pinzur interpellato sulla situazione verificatasi in Italia circa le calzature per i diabetici, conviene con i colleghi medici diabetici italiani circa l’urgente reintroduzione nei Lea di scarpe e plantari di serie per prevenire e trattare il piede diabetico, importante complicanza che può condurre all’amputazione.



Annunci