Complicanze varie/eventuali

Diabete Tipo 1 e depressione bipolare sono facili a grave ipoglicemia

I pazienti di mezza età con diabete di tipo 1 diagnosticato con depressione hanno almeno il doppio di probabilità di sperimentare un grave evento ipoglicemico o iperglicemico che richiede una visita o ospedalizzazione rispetto ai diabetici senza depressione, con il maggior rischio osservato nei primi 6 mesi dopo una diagnosi depressiva, secondo i risultati pubblicati su Diabetes Care.

DAMMI RETTA ADOTTA UNA PROVETTA: SOSTIENI LA RICERCA PER LA CURA DEL DIABETE TIPO 1

In un’analisi delle cartelle cliniche, i ricercatori hanno anche scoperto che i pazienti con diabete di tipo 1 i quali hanno manifestato un evento disglicemico avevano almeno il doppio delle probabilità di essere successivamente diagnosticati con depressione rispetto a quelli che non presentavano grave iperglicemia o ipoglicemia.

“La stragrande maggioranza delle ricerche sulla depressione e gravi eventi disglicemici ha avuto campioni comprendenti persone esclusivamente o prevalentemente con diabete di tipo 2, anche se questi eventi sono molto più comuni tra le persone con diabete di tipo 1,” Paola Gilsanz, diabetologo e psichiatra nella divisione di ricerca presso la Kaiser Permanente di Oakland, in California, e colleghi hanno scritto alla base dello studio. “Le persone con diabete di tipo 1 hanno  quattro volte probabilità in più di sperimentare una grave ipoglicemia e circa tre probabilità in più di subire una chetoacidosi diabetica rispetto a quelle con diabete di tipo 2.”

Gilsanz e colleghi hanno analizzato i dati di 3.742 pazienti arruolati al Kaiser Permanent Northern California di almeno 50 anni d’età con diabete di tipo 1 che partecipava a uno studio sull’invecchiamento tra il 1996 e il 2015 (età media, 56 anni, 79% bianco). I ricercatori hanno analizzato le cartelle cliniche per la diagnosi di disturbo depressivo maggiore, psicosi depressiva e disturbo distimico e diagnosi di gravi eventi disglicemici che hanno portato al ricovero ospedaliero . I ricercatori hanno utilizzato modelli di rischio proporzionale di Cox per stimare eventuali associazioni tra depressione e grave disglicemia in entrambe le direzioni.

All’interno della coorte, il 20% dei pazienti ha avuto una depressione al basale e un ulteriore 21% è stato diagnosticato durante lo studio. Ci sono stati 376 casi di grave iperglicemia e 641 di grave ipoglicemia durante il follow-up; Il 5% della coorte ne ha vissuti entrambi. Il tempo medio di follow-up è stato di 5,9 anni per le analisi che hanno esaminato iperglicemia e 5,1 anni per le analisi che hanno esaminato l’ipoglicemia come risultato.

Dopo aggiustamento per fattori demografici, HbA1c e complicanze vascolari, la depressione è stata associata a più di un duplice rischio di iperglicemia grave (HR = 2.47; IC 95%, 2-3.05) e un quasi raddoppio per il rischio di ipoglicemia grave (HR = 1.89; IC 95%, 1,61-2,22). Il rischio era marcatamente più forte durante i primi 6 e 12 mesi dopo una diagnosi di depressione, secondo i ricercatori.

Inoltre, i pazienti con depressione diagnosticata avevano cinque probabilità in più di sperimentare un grave evento iperglicemico (HR = 5,16, IC 95%, 3,88-6,88) e quattro probabilità in più di sperimentare un grave evento ipoglicemico (HR = 4,05; IC 95%, 3.26-5.04) nei primi 12 mesi rispetto a quelli senza diagnosi di depressione.

Nell’analizzare i pazienti con diabete di tipo 1 che non presentavano depressione al basale, quelli che hanno avuto una grave iperglicemia avevano più del doppio delle probabilità di essere diagnosticati con depressione durante il follow-up come quelli che non avevano riportato iperglicemia grave (HR = 2,39; 95% CI, 2-2,84), con rischio persistente dopo aggiustamento per fattori demografici, HbA1c e complicanze vascolari. I pazienti senza depressione basale che hanno avuto un grave evento ipoglicemico presentavano il 75% in più di probabilità di essere diagnosticati con depressione rispetto a quelli che non presentavano ipoglicemia grave (HR = 1,75; IC 95% 1,5-2,05), con risultati di nuovo persistenti dopo aggiustamento per dati demografici, HbA1c e complicanze vascolari.

“Nel nostro studio, il rischio di eventi gravi di ipo o iperglicemia era particolarmente alto durante il primo anno dopo la diagnosi di depressione, evidenziando la necessità di una maggiore vigilanza clinica per questi pazienti durante il periodo di vulnerabilità”, ha detto Gilsanz. “I nostri risultati sottolineano la necessità di interventi sfaccettati per ridurre al minimo la morbilità associata al diabete di tipo 1”.

Gilsanz ha detto che sono necessarie ulteriori ricerche per identificare percorsi che collegano eventi gravi di ipo e iperglicemia e depressione, che potrebbero scoprire potenziali bersagli di intervento per interrompere l’associazione ciclica tra di loro.



Annunci