Renò

I reni vanno sempre meglio nei diabetici di tipo 1

Premessa: la Finlandia assieme alla Sardegna sono le realtà geografiche con la più alta concentrazione mondiale di diabetici di tipo 1. ll rischio cumulativo di malattia renale allo stadio terminale (ESRD) tra i pazienti con diabete di tipo 1 è diminuito nel tempo in Finlandia, secondo uno studio pubblicato online il 20 dicembre in Diabetes Care.

DAMMI RETTA ADOTTA UNA PROVETTA: SOSTIENI LA RICERCA PER LA CURA DEL DIABETE TIPO 1

Jaakko Helve, MD, dell’Università di Helsinki, in Finlandia, e colleghi hanno analizzato i dati di tutti i pazienti <30 anni con diagnosi di diabete di tipo 1 in Finlandia tra il 1965 e il 2011. Nello sforzo di valutare come il rischio di ESRD è cambiato nel tempo, 29.906 i pazienti sono stati seguiti fino all’inizio della terapia di sostituzione renale, morte o fine del follow-up al termine del 2013.

I ricercatori hanno scoperto che su una mediana di 20 anni di follow-up, c’erano 1.543 casi di ESRD e 4.185 morti. Venti anni dopo la diagnosi del diabete, il rischio cumulativo di ESRD era del 2,2%; il rischio è calato del 7% dopo 30 anni. Tra i pazienti diagnosticati tra il 1995 e il 2011, il rischio relativo di ESRD era 0,13 rispetto a quelli diagnosticati tra il 1965 e il 1979. Il rischio più basso di ESRD era nei pazienti <5 anni al momento della diagnosi, mentre il più alto rischio cumulativo di ESRD stimato da il tempo di nascita era in pazienti di età compresa tra 5 e 9 anni al momento della diagnosi del diabete.

“Il rischio cumulativo di ESRD è diminuito notevolmente negli ultimi cinque decenni”, scrivono gli autori. “Ciò evidenzia l’importanza del trattamento moderno per il diabete e della nefropatia diabetica”.



Annunci

Categorie:Renò

Con tag:,