Annunci

I coetanei possono influenzare il modo in cui viene gestito il diabete di tipo 1

Come i giovani con diabete di tipo 1 si riferiscono ai loro coetanei può avere effetti importanti su quanto bene gestiscono la malattia e quanto sia angosciante per se stessi, suggerisce un piccolo studio.

DAMMI RETTA ADOTTA UNA PROVETTA: SOSTIENI LA RICERCA PER LA CURA DEL DIABETE TIPO 1

I coetanei possono aiutare adolescenti e giovani ad accettare la loro malattia e seguire i loro piani di trattamento, ma i giovani troppo in sintonia con ciò che pensano i loro amici possono trascurare la gestione della malattia per adattarsi, gli autori riferiscono in Diabetes Care.

“Questo è stato uno dei primi studi a chiedere ad adolescenti e giovani adulti con diabete di tipo 1 circa le loro relazioni con i coetanei ad un certo punto nel tempo e un anno dopo”, ha riferito l’autore principale Koen Raymaekers dell’Università di Leuven in Belgio.

“Abbiamo scoperto che relazioni positive più generali con i pari in un certo momento hanno visto un disagio specifico per il diabete un anno dopo”, ha affermato.

Ma, poiché i giovani adulti che erano molto orientati verso i coetanei all’inizio avevano un peggiore controllo della glicemia un anno dopo, prestando attenzione alle relazioni tra pari in questo periodo il passaggio è sembrato importante, ha aggiunto Raymaekers.

I ricercatori hanno reclutato più di 400 giovani di lingua olandese in Belgio, di età compresa tra 14 e 25 anni, con diabete di tipo 1. I partecipanti hanno risposto ai questionari valutando come si sono sentiti riguardo al sostegno che hanno ricevuto dai loro pari e alle loro percezioni sulla risposta dei genitori ai bisogni.

Il team di studio ha anche misurato “l’orientamento dei pari” – se i partecipanti fossero più propensi ad ascoltare i loro genitori o i loro coetanei – con domande del tipo “Ignorerai le tue esigenze di gestione del diabete per renderle a qualcuno come te?”

I ricercatori hanno avuto accesso a misurazioni della glicemia a lungo termine e i giovani hanno risposto alle domande sulla loro aderenza al trattamento e sui livelli di sofferenza legati al diabete.

Il gruppo di studio ha scoperto che avere coetanei di supporto era associato a una minore sofferenza legata al diabete nel tempo. Tuttavia, avere un estremo orientamento tra pari è stato associato a un maggiore stress nel trattamento temporale e ad un controllo più povero della glicemia.

Viceversa, una buona aderenza al trattamento era legata a un minor punteggio di orientamento tra pari, minore stress di trattamento e migliore controllo della glicemia.

I ricercatori hanno anche scoperto che i giovani che hanno riferito di avere genitori più reattivi tendevano a ridurre il disagio alimentare nel tempo.

“Il nostro studio indica che come genitore / nonno / caregiver possono essere un punto di riferimento nel chiedere informazioni sulle relazioni tra pari dei pazienti”, ha detto Raymaekers.

Se i pazienti indicano che hanno difficoltà con le relazioni tra pari, questo potrebbe avere un impatto sul loro disagio correlato al diabete e forse anche sull’aderenza al trattamento e sul controllo dello zucchero nel sangue a lungo termine, ha detto.

“Inoltre, alcuni pazienti possono sperimentare il loro diabete come un fardello quando interagiscono con i coetanei, e quindi trascurare il trattamento a favore dello spirito di adattamento con i coetanei”, ha osservato Raymaekers.

Pertanto, ha detto, quando ci sono indicazioni di relazioni problematiche con i coetanei, come genitore / nonno / caregiver si potrebbe pensare e parlare con il paziente su come migliorare queste relazioni senza sacrificare il trattamento o sentirsi angosciati dal proprio diabete.

Raymaekers ha aggiunto che non è stato sorpreso di vedere che i pari sono importanti per i pazienti con diabete di tipo 1, ma ci sono stati alcuni risultati “piuttosto sorprendenti”, ad esempio, che i giovani di 18-24 anni i quali erano molto orientati verso i coetanei al basale avevano un peggiore controllo della glicemia un anno dopo.

C’è bisogno di ulteriori ricerche su questo argomento, che potrebbero scoprire le relazioni di causa ed effetto nelle relazioni tra pari e gli esiti del diabete e i meccanismi in atto, ha detto.



Annunci

Rispondi

Spot
Diabete

Il diabete tipo 1 sul groppone da un giorno o 54 anni? Non perdere la fiducia e guarda avanti perché la vita è molto di più, e noi siamo forti!
Non sono un medico. Non sono un educatore sanitario del diabete. Non ho la laurea in medicina. Nulla in questo sito si qualifica come consulenza medica. Questa è la mia vita, il diabete – se siete interessati a fare modifiche terapeutiche o altro al vostra patologia, si prega di consultare il medico curante di base e lo specialista in diabetologia. La e-mail, i dati personali non saranno condivisi senza il vostro consenso e il vostro indirizzo email non sarà venduto a qualsiasi azienda o ente. Sei al sicuro qui a IMD. Roberto Lambertini (fondatore del blog dal 3/11/2007).

Newsletter



Informazione
Avete un evento, manifestazione (sportiva e non), convegno sul diabete o legato ad esso? Se la risposta è sì fatemelo sapere attraverso l'invio dei dati e iinformazioni scrivendole nel form presente all'interno della pagina Scrivimi del blog. Le iniziative predette saranno publicizzate all'interno di questo spazio gratuitamente e immediatamente. Grazie per il vostro interesse Roberto Lambertini
Eventi
  • Nessun evento
Sommario post
Categorie post
Il Mio Diabete social
Il mio diabete

Promuovi anche tu la tua Pagina

Instagram

Blogosfera
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons


2016 Image Banner 120 x 600