Annunci

Non dimentichiamolo: l’insulina è vita

(Reprint) – Giornata del ricordo: il 14 agosto 1921 fu fatto il primo esperimento condotto con successo su un cane pancreatectomizzato e il 12 dicembre 1921 la scoperta sensazionale venne annunciata. Dopo questa scoperta R. D. Lawrence, fondatore della British Diabetic Association, scrive: «Il diabetico non soffrirà mai più la fame o la sete. Ora può scegliere fra una gran quantità di cibi, secondo il suo gusto e le possibilità, e può ricavarne sufficiente energia per qualsiasi occupazione della vita quotidiana»; tutto questo per testimoniare quello che l’insulina ha rappresentato per la medicina, e per i diabetici in particolare. L’11 gennaio 1922 fu condotto il primo esperimento su un essere umano, Leonard Thompson, un ragazzo diabetico di 14 anni vistosamente migliorato dopo il trattamento con quest’ormone che Banting e Best inizialmente chiamarono “isletina”, per poi mutuare il nome insulina da Schaffer. Nel 1923 Banting diventa Premio Nobel per la Medicina per merito di questa scoperta.

Nel lavoro di questa équipe va tenuto in debito conto anche Joe Gilchrist, medico diabetico, che fungeva da cavia per gli esperimenti di Banting e Best. Inoltre, egli è stato il primo uomo nella storia della medicina a sperimentare l’ipoglicemia indotta da un trattamento terapeutico. Deve essere ricordato anche il prezioso lavoro del biochimico James Collip, che riuscì a purificare l’insulina in modo tale da ridurre al minimo i rischi nell’utilizzo terapeutico di questo ormone.

Leonard Thompson (1908-1935) è la prima persona ad aver ricevuto l’iniezione di insulina come trattamento per il diabete di tipo 1 .
Thompson ha ricevuto la sua prima iniezione in Toronto , Ontario , il 11 gennaio 1922, a 14 anni di età. La prima iniezione aveva una apparente impurezza che fu la probabile causa di una reazione allergica . Dopo un processo di raffinazione sviluppato da James Collip per migliorare l’estrazione dal pancreas canino, la seconda dose venne somministrata con successo al giovane paziente dodici giorni dopo la prima.
Thompson ha mostrato segni di miglioramento della salute e continuò a vivere altri 13 anni prendendo regolarmente dosi di insulina, morì di polmonite all’età di 27 anni.
Prima dell’arrivo dell’insulina e della sua disponibilità clinica, dalla diagnosi del diabete di tipo il tempo residuo di vita prima del sopraggiungere della morte era più o meno rapido (di solito entro un mese, e spesso in una settimana o pochi giorni).

Primum vivere, deinde philosophari. «prima si pensi a vivere, poi a fare della filosofia».

Io, tu, noi, apparteniamo a quel 5% di diabetici che possono vivere solo grazie a te, senza saremmo una lapide bianca incastonata al camposanto, siamo quei diabetici tipo 1 per cui senza te saremmo nessuno, non che gli altri di tipo 2 non abbiano necessità: semplicemente hanno più opportunità di terapie. Noi abbiamo solo te. Ecco oggi compi gli anni e ti auguro eterna vita. Non per me ma tutti i bimbi, ragazzi, uomini che hanno bisogno di te. Sono passati sì 93 anni e l’orizzonte si prospetta interessante e avvincente per la ricerca scientifica, medica, con soluzioni terapeutiche e curative che daranno una vita ancor più facile e migliore ai diabetici. Ma oggi rendiamo grazie all’Insulina, fermiamoci un attimo a ricordare da dove veniamo, perché nulla accade per caso ma grazie all’impegno di tutti. W l’insulina, viva la Vita!

L’11 gennaio del 1922 l’insulina fu usata per la prima volta per curare il diabete di Leonard, un ragazzo di 14 anni. A 93 anni di distanza dal suo battesimo le rendiamo onore ricordando a cosa serve, come si somministra e quante persone la usano. 10 cose da sapere sull’”ormone delle meraviglie”.

Nel 1921 Nicolae Paulescu mostra l’efficacia dall’estratto pancreatico nei casi di diabete
Nel 1922 il premio Nobel Fredrick Banting riesce a estrarre l’insulina dal pancreas del maiale
Regola i livelli di glucosio ematico riducendo la glicemia
È il principale ormone responsabile dell’ingrassamento
Si rende automaticamente disponibile a seconda delle necessità
È il primo ormone impiegato a scopi terapeutici
Viene assunta in quasi 9 miliardi di dosi all’anno in tutto il mondo
In Italia permette di convivere con il diabete a 1 milione di persone
La quantità massima di insulina somministrabile con la penna è 80 unità, la dose minima 0,5
Le penne SoloStar di Sanofi-Aventis e NovoPen Echo di Novo Nordisk hanno ricevuto il premio Good Design.
14 novembre: Giornata Mondiale del Diabete.



Annunci

Rispondi

Spot
Diabete

Il diabete tipo 1 sul groppone da un giorno o 54 anni? Non perdere la fiducia e guarda avanti perché la vita è molto di più, e noi siamo forti!
Non sono un medico. Non sono un educatore sanitario del diabete. Non ho la laurea in medicina. Nulla in questo sito si qualifica come consulenza medica. Questa è la mia vita, il diabete – se siete interessati a fare modifiche terapeutiche o altro al vostra patologia, si prega di consultare il medico curante di base e lo specialista in diabetologia. La e-mail, i dati personali non saranno condivisi senza il vostro consenso e il vostro indirizzo email non sarà venduto a qualsiasi azienda o ente. Sei al sicuro qui a IMD. Roberto Lambertini (fondatore del blog dal 3/11/2007).

Newsletter



Informazione
Avete un evento, manifestazione (sportiva e non), convegno sul diabete o legato ad esso? Se la risposta è sì fatemelo sapere attraverso l'invio dei dati e iinformazioni scrivendole nel form presente all'interno della pagina Scrivimi del blog. Le iniziative predette saranno publicizzate all'interno di questo spazio gratuitamente e immediatamente. Grazie per il vostro interesse Roberto Lambertini
Eventi
  • Nessun evento
Sommario post
Categorie post
Il Mio Diabete social
Il mio diabete

Promuovi anche tu la tua Pagina

Instagram

Blogosfera
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons


2016 Image Banner 120 x 600