Microinfusore/CGM/Pancreas artificiale

Il riconoscimento vocale per il calcolatore del bolo di insulina migliora la glicemia postprandiale

I diabetici di tipo 1 in terapia con pompa insulinica che utilizzavano un calcolatore di bolo automatico progettato per riconoscere le descrizioni vocali dei pasti avevano maggiori probabilità di avere livelli glicemici postprandiali entro il range di riferimento rispetto a quelli senza tale tecnologia, secondo i risultati riportati nel Journal di Diabetes.

Il sistema VoiceDiab è costituito da uno smartphone con sistema Android con un’app che comunica via un set di tre server, secondo Piotr Foltynski, PhD, dell’Istituto Nalecz di biocibernetica e ingegneria biomedica presso l’Accademia polacca delle scienze di Varsavia e colleghi. I server sono responsabili del riconoscimento vocale automatico e della trasformazione della descrizione verbale dei pasti in testo, l’analisi della descrizione testuale del pasto per determinarne la composizione (cioè quantità di proteine, grassi e carboidrati) e calcolo della dose di insulina che compensa il pasto, secondo un algoritmo.



“I motivi principali per l’uso delle applicazioni software nel calcolo del bolo sono le opportunità tecnologiche e la riduzione degli errori nel calcolo della dose da parte dei pazienti che usano i calcolatori in bolo”, hanno scritto Foltynski e colleghi. “La bassa numerazione è associata con il controllo insufficiente del diabete; pertanto, l’uso di consulenti di bolo può portare benefici ai pazienti. ”

In uno studio randomizzato e incrociato condotto tra marzo 2015 e gennaio 2016, i ricercatori hanno analizzato i dati di 44 adulti con diabete di tipo 1 trattati con infusione continua di insulina sottocutanea, assegnati a un gruppo in cui il sistema VoiceDiab supportava il calcolo del bolo per 4 giorni e un gruppo non supportato, in cui i pazienti o i loro caregivers calcolavano i boli. I partecipanti hanno cambiato gruppo dopo un periodo di pulizia di 14 giorni, completando nuovamente un periodo di intervento di 4 giorni.

I pazienti hanno utilizzato il sistema VoiceDiab in media 6,1 volte al giorno.

I ricercatori hanno scoperto che più i partecipanti utilizzavano la tecnologia di riconoscimento vocale e più sperimentavano una glicemia postprandiale di 2 ore tra 70 mg / dL e 180 mg / dL rispetto al gruppo non supportato (58,6% nell’intervallo contro 46,6%; P = 0,031). Non ci sono state differenze tra i gruppi per il tempo trascorso in ipoglicemia, tempo trascorso in iperglicemia, variazioni del livello di glucosio o livello medio di glucosio ( P> 0,05 per tutti).

“Il sistema VoiceDiab consente di migliorare il controllo glicemico postprandiale senza aumentare i tempi di iper- o ipoglicemia e, pertanto, sembra essere uno strumento promettente per l’uso da parte dei pazienti diabetici trattati con insulina”, hanno scritto i ricercatori.