Varie

Esplosione della placca dentale con microbolle

La perdita dei denti può causare molti inconvenienti. Gli impianti dentali come le corone, tuttavia, hanno permesso alle persone di superare la maggior parte di queste difficoltà e di avere una migliore qualità della vita. Ma proprio come i denti normali, gli impianti dentali richiedono cure adeguate e igiene orale per prevenire ulteriori complicazioni, come l’infiammazione dei tessuti che circondano gli impianti. Mentre l’accumulo di placca dentale si attacca principalmente alla corona, aderisce anche alle parti esposte della vite che tiene fermo il dispositivo dentale, e queste sono molto più difficili da pulire perché contengono microsfere che le fanno fondere nella parte superiore o inferiore ossa mascellari.

Hitoshi Soyama della Tohoku University e il suo team dell’Università Showa in Giappone hanno condotto uno studio per trovare modi migliori per i dentisti di rimuovere questa placca e prevenire le complicazioni. Il team ha voluto studiare l’efficienza di un getto a cavitazione, in cui un fluido ad alta velocità viene iniettato da un ugello attraverso l’acqua per creare minuscole bolle di vapore. Quando queste bolle collassano, producono forti onde d’urto che sono in grado di rimuovere i contaminanti.

Il team ha confrontato l’effetto pulente di un getto cavitante con quello di un getto d’acqua, spesso utilizzato per rimuovere la placca dagli impianti dentali per mantenerli puliti. Miettendo un biofilm per tre giorni in bocca a quattro volontari, poi lo hanno  pulito usando i due metodi, misurando la quantità di placca rimanente a diversi intervalli di tempo.

Mentre c’era poca differenza tra la quantità di placca dentale rimossa da entrambi i metodi dopo un minuto di pulizia, la cosa è cambiata con un’esposizione più lunga. Dopo tre minuti, il getto di cavitazione aveva rimosso circa una terza placca in più rispetto al getto d’acqua, lasciandone poca attaccata all’impianto alla fine dell’esperimento. Il getto cavitante rimuoveva la placca non solo dalla sezione di radice delle viti, ma anche dalla sezione di cresta più difficile da raggiungere, anche se in misura minore.




“I metodi convenzionali non possono pulire molto bene le placche sulla superficie degli impianti dentali, quindi questo nuovo metodo potrebbe dare ai dentisti un nuovo strumento per gestire meglio questi dispositivi che stanno diventando più comuni”, afferma Soyama.

Ricerche precedenti hanno dimostrato che il flusso d’acqua esercita stress da taglio per rimuovere il biofilm. Oltre a questo effetto di taglio, il getto cavitante genera anche una notevole forza quando le bolle collassano, rimuovendo le particelle dal biofilm e trasportandole via. I ricercatori suggeriscono che i due processi probabilmente funzionano in sinergia per rendere il getto cavitante superiore al getto d’acqua durante la pulizia della placca dalla superficie irregolare degli impianti dentali.

Categorie:Varie

Con tag:,