Sport e movimento

La simulazione interattiva può influenzare le intenzioni di attività nel diabete tipo 2

Una simulazione interattiva e personalizzata può cambiare le intenzioni comportamentali tra gli individui con diabete mellito di tipo 2 (T2DM), secondo uno studio pubblicato nel numero di gennaio-giugno di JMIR Diabetes.




Bryan Gibson, DPT, Ph.D., dell’Università dello Utah a Salt Lake City, e colleghi hanno condotto un esperimento all’interno dei soggetti per testare l’efficacia di una simulazione personalizzata e interattiva che ha dimostrato l’effetto acuto dell’attività fisica sul glucosio nel sangue . I potenziali partecipanti sono stati guidati attraverso sette compiti, tra cui le intenzioni di base, la simulazione interattiva e l’aspettativa di esito post-simulazione. Gli autori hanno esaminato se le aspettative d’esito dei partecipanti riguardo al camminare si spostassero verso il risultato presentato nella stimolazione interattiva e se le intenzioni di camminare aumentassero. Un totale di 1335 persone ha fornito dati completi.

I ricercatori hanno osservato un aumento nelle intenzioni dei partecipanti a camminare nella successiva settimana, con aumenti in generale dell’intenzione e minuti di camminonel periodo successivo (differenza media, 33,5 minuti). Dall’esame di feedback qualitativi e dati dall’attività di disegno, alcuni partecipanti hanno riscontrato difficoltà a comprendere il sito Web, conducendo a un’analisi di sottoinsiemi post-hoc. In questa analisi, gli effetti sulle aspettative di risultato erano più forti.

“Una nuova simulazione interattiva è efficace nel modificare le aspettative di risultato e le intenzioni comportamentali degli adulti con T2DM”, scrivono gli autori. “Discutiamo le applicazioni dei nostri risultati per la progettazione di interventi sanitari mobili”.