Varie

La ricetta venezuelana per la scarsità di farmaci: le erbe

Con una stima del cinque percento delle medicine necessarie disponibili, il Venezuela ha lanciato venerdì un piano sanitario che si basa su erbe e rimedi naturali.

Il “Piano Salute 100% Naturale” cerca il “salvataggio del patrimonio storico terapeutico: la conoscenza delle nonne”, ha detto il presidente Nicolas Maduro nel palazzo presidenziale.

Ricco di petrolio e una volta uno dei paesi più ricchi dell’America Latina, il Venezuela ha visto la sua economia decimata sotto Maduro.

Il calo dei prezzi del petrolio, le micidiali proteste e la corruzione hanno coinciso con la cronica carenza di cibo e medicinali e l’inflazione che le previsioni del FMI affermano supererà il 2.300% nel 2018.



I cittadini hanno dimostrato contro la carenza di beni essenziali, compresi i medicinali. L’unione medica del paese ha stimato la carenza di farmaci del Venezuela al 95%.

“Sto curando una terribile influenza che mi ha colpito all’inizio dell’anno con camomilla, aloe, limone e un po ‘di miele”, ha detto Maduro.

“Questo deriva dalla conoscenza ancestrale della mia famiglia.”

La Coalizione delle organizzazioni per il diritto alla salute e alla vita ha denunciato un’assenza “assoluta e prolungata” di prodotti farmaceutici di base per il trattamento di malattie quali: diabete, insufficienza renale, cancro e sclerosi multipla.

Anche gli antibiotici e i farmaci per controllare la pressione sanguigna sono scarsi.

A novembre, i pazienti e le loro famiglie hanno marciato verso le ambasciate di Canada, Costa Rica, Paesi Bassi e Perù per chiedere a quei paesi di premere Caracas per un “canale umanitario” utile a consentire l’ingresso di medicinali in Venezuela.

Il governo di Maduro nega che ci sia una “crisi umanitaria” nel paese e incolpa le sanzioni imposte dagli Stati Uniti per incidere sull’importazione di cibo e medicine .

Categorie:Varie

Con tag: