Mangiare

La lunga e strana storia delle molteplici diete

Un altro giorno, un’altra dieta.

Di tutti i parassiti che colpiscono l’umanità non lo so, né posso immaginare, più angoscioso di quello dell’obesità”.

Così iniziò la “Lettera sulla corpusità” di William Banting , probabilmente il primo libro di dieta mai pubblicato. Banting, un imprenditore sovrappeso, aveva pubblicato il libro nel 1864 per espugnare il suo successo dopo aver sostituito una eccessiva assunzione di pane, zucchero e patate con gran parte di carne, pesce e verdure.

Da allora le diete fat sono apparse in molte forme. A che lunghezza la gente va a raggiungere la propria figura desiderata? Un professore di nutrizione e di comportamenti alimentari, sul quotidiano USA New York Post ci evidenzia come la storia della dieta mostra che la vanità supera il buon senso.

Diete a base liquida

Andiamo al 1028, anno in cui è nato Guglielmo il Conquistatore. Sano per la maggior parte della sua vita, è diventato così in sovrappeso negli anni successivi che andò su di una dieta liquida consistente di quasi nient’altro che alcool. Perse abbastanza peso per riprendere al salire sul suo caro cavallo, ma un incidente mentre era al galoppo lo portò presto a morte prematura.

Noi sappiamo di un caso in cui un consumo più elevato di alcol rispetto al cibo avrebbe portato alla longevità. Nel 1558, il nobile italiano Luigi Cornaro si limitava ogni giorno a 340 grammi di cibo e 400 grammi di vino. Ebbe a vivere sino a 102 anni di età, guadagnandosi con il suo approccio il soprannome L’immortale della Dieta.

Un altro piano incentrato sull’alcol, la dieta dell’uomo bevente, fu introdotto negli anni ’60. Ciò includeva i cosiddetti alimenti “maschi”, cibi come bistecca e pesce, insieme con tanto alcool come desiderato.

Il poeta Lord Byron accreditava il suo aspetto sottile e pallido all’aceto e all’acqua. Questa pratica è riemersa negli anni ’50 come la popolare dieta di aceto di sidro di mele, che insegnava alle persone a bere una miscela di parti uguali di miele e aceto. L’ultima versione, anche se non scientificamente sostenuta, afferma che tre cucchiaini di aceto di sidro di mele prima di ogni pasto fa frenare le voglie e tagliare il grasso.

Depurativa

Le diete depurative e le detox di liquidi “pulitori” sono progettati presumibilmente per liberare il corpo delle tossine, nonostante la nostra naturale capacità di farlo.

Nel 1941, un appassionato di salute alternativa Stanley Burroughs ha creato la Master Cleanse o la Lemonade Diet, per eliminare le voglie di cibo spazzatura, alcool, tabacco e droghe. Tutto quello che dovevate fare era consumare una miscela di succo di limone o di limone, sciroppo di acero, acqua e pepe di cayenna sei volte al giorno per almeno 10 giorni. Beyoncé ha reso questa forma nuovamente popolare nel 2006, dicendo di aver perso 9 chili in due settimane.

Il medico TV Dr. Oz e altri hanno da allora promosso le proprie versioni, variabili in lunghezza e cibi ammessi. La maggior parte include una dose lassativa giornaliera con impiego abbondante di acqua.

La Last Chance Diet, pubblicata nel 1976, consisteva nel bere un liquido molto calorico poche volte al giorno. L’ingrediente principale era una miscela di sottoprodotti animali – credo nascondesse, corna e tendini. Questo “patè di carne” è stato tolto dal mercato dopo che molti seguaci sono morti.

Diete delle celebrità

Andy Warhol aveva un approccio diverso per mantenere il suo fisico. Secondo quanto riferito, ordinava cibi che lui non amava quando era fuori per ristoranti, chiedendo un contenitore da portare via all’uscita, il quale lo avrebbe poi dato a un senza tetto.

Dormire era un’altra possibilità. Elvis Presley è stato detto d’essere un sostenitore della dieta Sleeping Beauty. I suoi periodi di sonno indotti da benzodiazepine e simili, prese per inibirlo dal mangiare.

Falla veloce veloce

Nei primi anni del 1900, l’imprenditore in sovrappeso Horace Fletcher si era ridotto e fare una dieta diventata fenomeno della cultura pop con la sua masticazione. Consigliava di masticare il cibo fino a farlo diventare liquido per prevenire l’eccesso di cibo.

Un altro metodo che si diceva fosse popolare negli inizi del 1900 era la Dieta del Verme . Teoricamente si inghiottiva una tenia. Il verme allora vivendo nello stomaco consuma un po ‘del tuo cibo. Mentre pubblicità vintage sono state trovate sul tema, non ci sono prove che i vermi siano stati effettivamente venduti.

Altre diete hanno attirato fans nel corso degli anni con la promessa di una facile perdita di peso attraverso un singolo cibo miracoloso. La Dieta Pompelmo, che consigliava di consumare metà pompelmo prima di ogni pasto; La dieta del burro di arachidi e la dieta del gelato, e la Shangri-Diet nel 2006, che ha affermato di poter battere la fame bevendo un litro d’olio d’oliva circa un’ora prima di ogni pasto.

Un esempio di di dieta di spicco è stata quella di zuppa di cavolo , per prima resa popolare da celebrità negli anni ’50. Questa dieta non consumava nient’altro che zuppa per sette giorni. La ricetta originale richiedeva un mix di zuppa di cavolo, verdure, acqua e cipolla secca, ma altre versioni hanno aggiunto ingredienti come la frutta, il latte scremato e la carne bovina. Solitamente torna nuovamente di moda ogni dieci anni o giù di lì, grazie a internet la condivisione è più facile.

Idee alternative

Alcune diete e le loro teorie di supporto sono andate oltre il cibo.

Nel 1727 lo scrittore Thomas Short ha osservato che le persone in sovrappeso vivevano vicino a paludi. La sua dieta suggeriva di evitare le paludi.

Invece di allontanarsi dalle paludi, i respiriani consigliano di non mangiare. I seguaci in un’intervista del 2017 hanno affermato che cibo e acqua non sono necessari, dicendo che sono sufficienti la spiritualità e la luce solare. Il digiuno prolungato, infine, porterebbe alla fame, ma i devoti sono stati visti mangiare e bere.

La dieta più pericolosa di sfera di cotone è emersa nel 2013. Dietri hanno riferito di consumare fino a cinque palle di cotone alla volta, dicendo che si sentivano piena e perso peso. Con il suo sfortunato effetto collaterale di ostruzione intestinale, questa dieta è scomparsa.

Ma non tutte le idee insolite sono cattive. La dieta a sette giorni, pubblicata nel 2003, ha suggerito di mangiare cibi di un solo colore ogni giorno. Ad esempio, il giorno rosso include pomodori, mele e mirtilli. Questo in realtà sottolinea i cibi salutari da includere, piuttosto che penzoloni confusi o restrizioni.

Mentre intriganti, le diete fat sono di solito correzioni rapide a breve termine. Possono produrre una rapida perdita di peso iniziale, ma questo è più probabile a causa della loro minore apporto calorico rispetto alla dieta abituale da seguire e spesso consiste nella perdita di acqua.

Dobbiamo invece ricordare che non c’è un semplice segreto per perdere peso. Raggiungere la perdita di peso e la manutenzione sostenuta richiede una riduzione dell’approfondimento calorico e aumentare i livelli di attività – con o senza pompelmo e cavolo.



Categorie:Mangiare

Con tag: