Donne e diabete

Variazione stagionale associata al rischio di diabete gestazionale

Le donne che sono incinte sembrano essere ad aumentato rischio di diabete gestazionale durante i mesi estivi rispetto ai mesi invernali, ma possono anche essere ad aumentato rischio di diagnosi errata durante le temperature più calde, secondo i risultati pubblicati nel European Journal of Endocrinology.

Eleni Anastasiou, MD, del dipartimento di endocrinologia e diabete presso l’Alexandra Hospital di Atene, in Grecia, e colleghi hanno condotto due studi osservazionali per determinare il probabile effetto delle stagioni sulla diagnosi del diabete gestazionale e la conseguenza specifica della temperatura ambientale sulla diagnosi .

Nel primo studio (Studio A), condotto tra il 2000 e il 2012, i ricercatori hanno valutato 7.618 donne in gravidanza di origine greca sottoposte a un test di tolleranza al glucosio orale di 3 ore a 100 g durante il terzo trimestre di gravidanza.

La prevalenza gestazionale del diabete è stata più alta in agosto (49,9%) rispetto a gennaio (32,7%) e anche in estate (39,2%) rispetto all’inverno (28,1%). Nessuna differenza è stata osservata nei livelli di glicemia a digiuno rispetto alle stagioni. I valori di glicemia sono aumentati a 60, 120 e 180 minuti in estate rispetto all’inverno ( P <.0001); i valori erano intermedi in primavera e in autunno.



“Nello studio A, i cambiamenti quotidiani delle temperature ambientali non sono stati registrati, quindi i nostri risultati sulla variazione stagionale nella diagnosi del diabete gestazionale non potrebbero essere direttamente correlati alle fluttuazioni della temperatura ambientale”, hanno scritto i ricercatori. “Per questo motivo, abbiamo proceduto con lo studio prospettico B.”

Nel secondo studio (Studio B), condotto tra il 2013 e il giugno 2014, i ricercatori hanno valutato 768 donne in gravidanza di origine greca a cui è stato somministrato un OGTT da 75 g in una stanza climatizzata durante il terzo trimestre di gestazione.

I livelli di glucosio a 0 minuti non erano correlati con le temperature ambientali, mentre i livelli di glucosio a 60 ( P <.01) e 120 minuti ( P <.05) erano correlati.

I livelli medi di glucosio a 60 minuti sono stati aumentati di 0,05067 mmol / L per ciascun grado di aumento della temperatura con grado di calore superiore a 25 ° C, e i livelli medi di glucosio a 120 minuti sono aumentati di 0,02817 mmol / L per ciascun grado di aumento della temperatura a temperature più elevate di 30 ° C.

“I nostri risultati suggeriscono la necessità di prendere in considerazione la temperatura ambientale durante l’interpretazione dei risultati dei test utilizzati per diagnosticare diabete gestazionale”, ha detto Anastasiou in un comunicato stampa. “Noi ipotizziamo che i cambiamenti stagionali osservati possono essere dovuti ad un aumento del flusso sanguigno che in molti diminuiscono l’estrazione di zucchero dal sangue ai tessuti. Uno screening migliore dovrebbe garantire che le donne in gravidanza siano adeguatamente diagnosticate per il diabete gestazionale, assicurando che ricevano il trattamento solo quando i loro livelli di zucchero nel sangue possono rappresentare un pericolo per loro stessi e il bambino ed evitare trattamenti e disagi non necessari durante la gravidanza. “-