Ricerca

Il funzionamento sociale correlato al diabete peggiora nei paesi a medio e basso reddito

Gli adulti con diabete che vivono in paesi a medio e basso reddito sperimentano un funzionamento sociale alterato in misura maggiore rispetto a quelli che vivono in paesi ad alto reddito, in parte a causa di diagnosi di diabete ritardate e minore accesso a cure mediche adeguate, secondo i dati riportati nel World Health Survey.

“Abbiamo scoperto che il diabete è associato a un funzionamento sociale compromesso, definito dalle difficoltà con la partecipazione alla vita di comunità o con le relazioni personali”, Adrian Loerbroks, PhD, MSc, MHS , dell’Istituto di medicina occupazionale, sociale e ambientale presso l’Università di Dusseldorf, Germania, ha riferito a Il Mio Diabete. “Abbiamo anche trovato questa associazione sia nei paesi ad alto che medio reddito, ma il legame era particolarmente forte nei paesi a basso reddito . Queste associazioni sono state ampiamente spiegate da menomazioni fisiche e mentali, che possono essere dovute al diabete, come problemi di umore, scarsa visione o ridotta mobilità “.

Loerbroks e colleghi hanno analizzato i dati del Global Health Survey, effettuato nel 2002-2003 in 70 paesi in Africa, Asia, Australia, Europa e Sud America. In questo studio, i ricercatori hanno valutato campioni nazionali da 48 dei paesi sondati e delle nazioni stratificate per livello di reddito: 10 paesi a basso reddito (n = 44.285), 15 paesi a reddito medio inferiore (n = 81.573), 14 paesi a reddito medio alto (n = 91.307) e nove paesi ad alto reddito (n = 18.263). Il diabete è stato auto-segnalato dai partecipanti che hanno completato i questionari; il funzionamento sociale è stato misurato utilizzando un modulo che ha valutato i limiti in otto diversi ambiti di vita, tra cui: mobilità, auto-cura, dolore / disagio, deficit cognitivi soggettivi e attività interpersonali. Sono state misurate anche le potenziali menomazioni correlate al diabete, tra queste della vista, dell’umore, della cognizione e della mobilità. I ricercatori hanno utilizzato l’analisi di regressione logistica per stimare gli OR per l’associazione tra segnalazioni di diabete diagnosticato e funzionamento sociale compromesso.



Il campione complessivo comprendeva principalmente adulti di mezza età. In tutti i paesi, il 3,5% ha riportato una diagnosi di diabete e il 14,6% era obeso, mentre l’11,4% ha riferito problemi di umore, cognizione e mobilità. I problemi di funzionamento sociale e di visione erano scarsi (6,8% e 8% rispettivamente), secondo i ricercatori, che hanno anche osservato come la prevalenza di diabete, obesità e mobilità aumentava con i livelli di reddito del paese.

In analisi non aggiustate, il diabete diagnosticato era associato a più del doppio del rischio di compromissione del funzionamento sociale (OR = 2,07, IC 95%, 1,74-2,46), con un lieve calo del rischio quando si adattava a fattori sociodemografici e stili di vita correlati alla salute (OR = 1,47, IC 95%, 1,18-1,83). Tuttavia, questa associazione tra diabete e cattivo funzionamento sociale non era più significativa dopo la contabilizzazione delle menomazioni collegate al diabete, secondo i ricercatori.

In analisi non aggiustate stratificate per livello di reddito nazionale, i ricercatori hanno scoperto che l’associazione tra diabete auto-segnalato e scarsa funzionalità sociale diminuiva con l’aumento del livello di reddito del paese, con l’OR che cadeva da 3 nei paesi a basso reddito a 2,5 nei paesi a reddito medio basso e 2 nei paesi a medio e alto reddito. I parametri unitari aggregati sono stati attenuati dopo aggiustamento per età, sesso, istruzione, BMI e attività fisica; tuttavia, il gradiente osservato persisteva, secondo i ricercatori. Non è stata osservata alcuna pendenza dopo aver considerato potenziali menomazioni correlate al diabete.

“Il nostro studio evidenzia il potenziale impatto sociale della convivenza con il diabete”, ha detto Loerbroks. “Tuttavia, è necessario tenere a mente che il medesimo ha una struttura trasversale, e quindi non possiamo trarre conclusioni sulla potenziale causalità.”

Loerbroks mi ha detto che le osservazioni sottolineano ulteriormente l’importanza di indirizzare le scarse risorse di assistenza sanitaria per una gestione adeguata del diabete, soprattutto all’interno di contesti a basso reddito.

“Tali sforzi non solo aiuteranno a prevenire complicazioni, ma potrebbero anche ridurre l’impatto del diabete sul funzionamento sociale e sulla partecipazione dei pazienti”, ha affermato.

Annunci

Categorie:Ricerca

Con tag:,