Terapie

Adolescenti con diabete tipo 1: disordine alimentare associato all’aumento dell’HbA1c

[themoneytizer id=”15570-2″]

 

Per i giovani con diabete di tipo 1, i comportamenti alimentari disordinati (DEB) sono associati a una maggiore e peggiore emoglobina A1c ma non a misure di variabilità glicemica, secondo uno studio pubblicato online il 25 gennaio su Diabetes Care.




Miriam H. Eisenberg Colman, Ph.D., dell’Eunice Kennedy Shriver National Institute of Child Health e Human Development a Bethesda, Maryland, e colleghi hanno riferito circa il rapporto DEB e gestione del diabete al basale e a sei, 12 e 18 mesi per i giovani (età 8-16) con diabete di tipo 1 che hanno partecipato a un intervento comportamentale di 18 mesi.

I ricercatori hanno scoperto che l’intervento non ha avuto effetti sui DEB (P = 0,84). C’erano correlazioni per i DEB con emoglobina A1c più alta (P = 0,001), glicemia media del sensore (P = 0,001) e valori glicemici del sensore percentuale> 180 mg / dL (P = <0,001) e con 1,5-anidroglucitolo inferiore ( P = 0,01) e peggiore aderenza al diabete (P = 0,03). Non c’era alcuna correlazione per i DEB con valori percentuali di glucosio del sensore <70 mg / dL o qualsiasi misura di variabilità glicemica. È stato osservato un significativo effetto di interazione tempo DEB × per glicemia media del sensore (P = 0,05) e valori percentuali di glucosio del sensore> 180 mg / dL (P = 0,04). Durante lo studio c’è stato un deterioramento previsto dal punto di vista dello sviluppo nel controllo glicemico per i partecipanti che hanno riportato meno DEB. Per i partecipanti con più DEB, il basso controllo glicemico è stato osservato al basale e questo persisteva attraverso lo studio.

“I risultati evidenziano un potenziale per migliorare la qualità della dieta senza aumentare il DEB e indicano l’associazione dei DEB con iperglicemia persistente ma non con ipoglicemia o variabilità glicemica”, scrivono gli autori.

Categorie:Terapie

Con tag:,