Reni

Il danno renale acuto aumenta il rischio di ipoglicemia post-dimissione

Per i pazienti ospedalizzati con diabete, il danno renale acuto (AKI) è un fattore di rischio per ipoglicemia post-dimissione, secondo uno studio pubblicato online l’11 gennaio in Diabetes Care .

Adriana M. Hung, MD, della Veterans Affairs Tennessee Valley Hospital of Nashville, e colleghi hanno eseguito un’analisi di propensione al confronto dei pazienti con diabete, con e senza AKI, utilizzando una coorte retrospettiva di veterani ospedalizzati tra il 2004 e il 2012. Gli autori hanno confrontato il rischio per ipoglicemia entro 90 giorni dopo la dimissione tra pazienti ospedalizzati con diabete con e senza AKI.



I ricercatori hanno identificato 65.151 coppie con punteggio di propensione con e senza AKI. Per 100 persone-anno, l’incidenza di ipoglicemia era 29,6 e 23,5, rispettivamente, per i pazienti con e senza AKI. L’AKI era correlato ad un aumentato rischio di ipoglicemia dopo aggiustamento (hazard ratio, 1.27). I hazard ratio erano 1,18, 1,30 e 1,48 per i pazienti con recupero completo, parziale e senza recupero, rispettivamente, rispetto ai pazienti senza AKI. I pazienti con AKI hanno manifestato ipoglicemia più frequentemente in tutti i regimi di farmaci antidiabetici; l’incidenza di ipoglicemia era più alta per gli utilizzatori di insulina, seguita dagli utenti con gliburide e glipizide.

“L’AKI è un fattore di rischio per l’ipoglicemia nel periodo post-dimissione”, scrivono gli autori. “Gli studi per identificare strategie di riduzione del rischio in questa popolazione sono garantiti.”

Categorie:Reni

Con tag: