Mangiare

La nutrizione personalizzata serve per una vita sana e longeva

[themoneytizer id=”15570-2″]

 

Un nuovo strumento che utilizza indizi molecolari per determinare ciò che qualcuno ha mangiato e offrire una migliore comprensione di come i geni influenzano il modo in cui abbattere il cibo potrebbe aprire la strada a un consiglio dietetico personalizzato che non solo aiuti le persone ad evitare malattie come diabete, cancro e patologie cardiache, ma potrebbe anche allungare la vita.

Sei dei sette fattori di rischio principali per una morte prematura, colesterolo alto, l’obesità e l’eccesso di peso corporeo, frutta inadeguata e consumo di verdura, inattività fisica e l’abuso di alcol-sono legati al modo in cui mangiamo, beviamo e l’esercizio fisico, in base ai dati Eurostat .

“Negli ultimi anni ci stiamo rendendo conto che le persone rispondono all’assunzione di cibo in modi diversi”, ha affermato la professoressa Lorraine Brennan dello University College di Dublino in Irlanda. “Di conseguenza, è chiaro che dobbiamo passare da raccomandazioni dietetiche di taglia unica a più personalizzate.”

Insieme al suo team, punta a sviluppare un nuovo strumento che valuti in modo accurato l’assunzione di cibo e classifichi gli individui in modelli dietetici o nutrizionali. Ad esempio, un modello alimentare potrebbe essere un’elevata assunzione di carne rossa, patate lavorate e alcol, spiega il Prof. Brennan.

“Un’accurata valutazione dell’assunzione alimentare ci consentirà di fornire consigli dietetici altamente personalizzati,” ha affermato il Prof. Brennan. ‘Questo a sua volta ha il potenziale per consentire alle persone di sviluppare abitudini alimentari più sostenibili.’

Anche se sappiamo che la nostra dieta svolge un ruolo chiave nella prevenzione delle malattie, gli attuali metodi di valutazione dietetica sono soggetti a errori, afferma il Prof. Brennan. Si basano su dati auto-segnalati e spesso le persone non ricordano esattamente cosa e quanto hanno mangiato, o non ammettono di mangiare cibi malsani.

Siamo quello che mangiamo

È importante sapere che cosa ha mangiato una persona, perché questo ti dirà se la loro dieta è stata un fattore di longevità o se ci si e ammalati, spiega il Prof. Brennan.

Per raggiungere questo obiettivo, il suo team sta analizzando campioni di sangue e di urina di volontari per trovare indizi molecolari chiamati biomarker per alimenti specifici nei nostri corpi. Dopo aver mangiato, tracce chimiche di alimenti, note anche come metaboliti, vengono lasciate nel sangue e nelle urine, dicendo ai ricercatori cosa avete mangiato a pranzo.




Combinando tutti i diversi biomarcatori trovati in un individuo, i ricercatori possono quindi classificare qualcuno come un modello alimentare sano o non sano, nel suo complesso, e aiutarli a modificare specificamente la loro dieta a livello personale.

Ad esempio, se il profilo di qualcuno sta cadendo in un modello dietetico non salutare perché i loro biomarker per le verdure sono bassi, allora avranno bisogno di aumentare l’assunzione di verdure, spiega la dottoressa Brennan.

“Uno dei risultati più sorprendenti ottenuto finora è che, utilizzando un campione di urina, possiamo stimare l’assunzione abituale di agrumi da parte di individui”, ha affermato il Prof. Brennan. “La relazione tra l’assunzione effettiva e il biomarker era estremamente elevata, molto più alta di quanto avevamo previsto, il che ci dà una forte evidenza del fatto che il nostro approccio funzionerà per valutare l’assunzione di cibo a livello individuale.”

Il Dr. Riekelt Houtkooper dell’Academic Medical Center di Amsterdam, nei Paesi Bassi, afferma che la previsione di come diverse persone rispondono ai diversi alimenti è importante per prevenire le malattie legate all’alimentazione. “Dobbiamo capire come viene trattato il cibo e cosa possiamo fare contro questo aumento dell’obesità e del diabete e per mantenere le persone sane a lungo termine.”

Geni

Il dott. Houtkooper sta esaminando come la combinazione di geni e dieta contribuisca al processo di invecchiamento, parte di un progetto chiamato MetaFlex.

“Tutti conosciamo questi esempi nel nostro ambiente: lepersone possono mangiare quello che vogliono senza ingrassare e rimanere in salute, mentre altri possono mangiare solo un’insalata – e non troppo – e ingrassare e persino soffrire di una malattia legata all’età ‘, ha detto il dottor Houtkooper.

Sospetta che sia tutto nei geni. “La composizione genetica di alcune persone è tale che possono far fronte ad una dieta molto meglio di altre, quindi anche se mangiano cibi malsani, non hanno gli effetti dannosi della dieta”, ha affermato.

Per misurare gli effetti a lungo termine dell’invecchiamento – o della salute in età avanzata – e identificare i suoi meccanismi di base, i ricercatori usano vermi lunghi 1 mm che vivono circa quattro settimane e sono sorprendentemente geneticamente simili agli umani.

“Se volessimo fare questi studi sugli umani, dovremmo aspettare 80 anni mentre nei vermi ci vogliono da due a quattro settimane”, ha spiegato il dott. Houtkooper. “Possiamo quindi tradurre i risultati nel sistema dei mammiferi – di solito i topi prima e alla fine vorremmo andare agli umani.”

Lui e il suo team hanno trovato un particolare gene nei vermi che è associato in qualche modo all’elaborazione efficiente dei nutrienti, nota anche come flessibilità metabolica, che potrebbe neutralizzare gli effetti nocivi di una cattiva alimentazione.

“Se trattiamo i vermi con una dieta grassa, la loro durata della vita si riduce – quindi questo particolare grasso è chiaramente malsano. Se estraiamo questo gene dal verme ma continua a sopravvivere con troppo  grasso, esso salva la sua durata di vita e rivive una vita normale “, ha affermato il dott. Houtkooper. Tuttavia, la relazione è complicata, poiché la semplice rimozione del gene senza alimentare il grasso dei vermi riduce anche la loro longevità.

Il dott. Houtkooper è convinto che ci siano dei geni responsabili per proteggerci dagli effetti dannosi di ogni dieta, sia che contenga un eccesso di carboidrati, grassi o proteine. Spera di trovare più di questi geni nei vermi e, infine, di tradurli negli esseri umani e contribuire ad avanzare la ricerca nella nutrizione e nella medicina personalizzate.

“Se conosciamo un determinato gene, possiamo identificare quali farmaci possono interferire con quella particolare proteina (codificata dal gene) o quella particolare via e quindi interferire esternamente con quel particolare aspetto del corpo. In teoria, questo apre anche l’opportunità alle grandi compagnie di hamburger di schiacciare questi tipi di molecole nei loro hamburger e praticamente cancellare tutti gli effetti nocivi delle diete cattive,” ha affermato il dott. Houtkooper.

Vivi a lungo ed in prosperità

Il team ha anche trovato diversi componenti dietetici che possono far vivere i vermi più a lungo. Ma il dott. Houtkooper non pensa che prolungare la vita sia così importante rispetto al fatto di rendere le persone in buona salute con l’età, dato che abbiamo già una popolazione anziana significativa.

“Concentrarsi sull’aspetto sanitario è davvero l’aspetto il più importante; per assicurarsi che alla fine le persone possano vivere una vita sana fino alla morte. Vivere più a lungo potrebbe essere un effetto collaterale “, ha affermato il dott. Houtkooper.

Tutte le ricerche menzionate in questo articolo sono finanziate dal Consiglio europeo della ricerca dell’UE

Categorie:Mangiare, Ricerca

Con tag:,