Mangiare

Il consumo di caffè legato al rischio di sindrome metabolica nel diabete di tipo 1

[themoneytizer id=”15570-2″]

 

Gli adulti con diabete di tipo 1 che consumano almeno 5 tazze di caffè al giorno hanno un aumentato rischio di sindrome metabolica rispetto a quelli che bevono meno, secondo i ricercatori.

Per-Henrik Groop, MD, PhD, professore di nefrologia presso l’Università di Helsinki in Finlandia, e colleghi hanno valutato i dati dello studio finlandese di nefropatia diabetica su 1.040 adulti con diabete di tipo 1 per determinare le potenziali associazioni tra consumo di caffè e sindrome metabolica .

I partecipanti sono stati divisi in quattro gruppi in base al consumo di caffè : non consumatori (<1 tazza al giorno, n = 134, 34,3% uomini, età media, 40 anni, durata media del diabete, 21 anni), consumatori bassi (1 tazza a < 3 tazze al giorno, n = 230, 32,2% uomini, età media, 46 anni, durata media del diabete, 30 anni), consumatori moderati (? 3 tazze a <5 tazze al giorno; n = 371; 45% uomini; età media , 48 anni, durata media del diabete, 27 anni) o consumatori elevati (? 5 tazze al giorno, n = 305, 59,7% uomini, età media, 49 anni, durata media del diabete, 29 anni).




La frequenza della sindrome metabolica è aumentata con l’aumento del consumo di caffè con il tasso più basso nei non consumatori (51%) seguito da bassi consumatori (64%), consumatori moderati (65%) e consumatori elevati (70%). Le probabilità di sindrome metabolica erano più elevate nei gruppi di consumatori moderati e alti rispetto al gruppo non di consumo nell’analisi di regressione logistica regolata per età, sesso, consumo di energia, assunzione di alcol, attività fisica e fumo. Qualsiasi livello di consumo di caffè era associato a maggiori probabilità di ipertensione, la componente della pressione sanguigna della sindrome metabolica. Il tasso medio di filtrazione glomerulare stimato è aumentato con l’aumento del consumo di caffè, mentre non sono state osservate differenze tra i gruppi per il tasso stimato di smaltimento del glucosio o proteina C-reattiva ad alta sensibilità.

“Il consumo moderato e elevato di caffè è associato ad un aumentato rischio di sindrome metabolica, mentre qualsiasi livello di consumo di caffè è associato a quote più elevate o ad adempiere alla componente della pressione arteriosa [sindrome metabolica]”, hanno scritto i ricercatori. “Inoltre, aumentare l’assunzione di caffè è associato a un eGFR più elevato. Se il consumo abituale di caffè avrà effetti negativi o benefici sugli esiti della salute, in questa popolazione di pazienti con diabete di tipo 1, sarà valutato in studi futuri. “

Categorie:Mangiare

Con tag:,