Terapie

Sono necessari sforzi per sfruttare il potenziale dei nutraceutici

[themoneytizer id=”15570-2″]

 

Esiste una domanda crescente per i nutraceutici, che sembrano risiedere nell’area grigia tra prodotti farmaceutici e gli alimenti. Si ritiene che i prodotti forniscano benefici medici o sanitari “oltre la dieta, ma prima dei farmaci”. Una nuova recensione pubblicata nel British Journal of Clinical Pharmacology esamina le potenzialità dei nutraceutici, sottolineando la necessità di una loro corretta definizione e di regole chiare per garantire la loro sicurezza.

Nell’articolo di recensione, un team guidato da Ettore Novellino, PhD e Antonella Santini, PhD, dell’Università di Napoli Federico II in Italia, afferma che i nutraceutici con comprovata efficacia e benefici per la salute dimostrati da dati clinici potrebbero essere utilizzati come potenti strumenti per prevenire e trattare le condizioni mediche, specialmente in individui che potrebbero non essere ancora idonei per le terapie farmaceutiche convenzionali. Pertanto, è della massima importanza avere una definizione adeguata e inequivocabile di nutraceutici, condurre studi clinici sulla loro sicurezza ed efficacia e disporre di regolamenti standardizzati per il loro uso. Inoltre, i nutraceutici richiedono una classificazione specifica oltre agli integratori alimentari e ai prodotti farmaceutici.

Gli autori propongono la seguente definizione di nutraceutici: il fitocomplesso di un vegetale o il pool di metaboliti secondari di un animale. Entrambi sono concentrati e somministrati in forma farmaceutica e sono in grado di fornire effetti benefici sulla salute, compresa la prevenzione e / o il trattamento di una malattia.




“I nutraceutici, nell’immaginario collettivo del consumatore, tendono ad essere confusi e erroneamente identificati con molti altri prodotti disponibili sul mercato sulla base di potenziali benefici per la salute “, ha dichiarato il dott. Novellino. “Una valutazione della sicurezza, del meccanismo d’azione e dell’efficacia dei nutraceutici – e la convalida dei dati clinici – è il punto centrale che differenzia i nutraceutici dagli integratori alimentari”.

La Dott.ssa Santini ha aggiunto che la crescente domanda e interesse per i nutraceutici giustifica la necessità di una ristrutturazione dell’intero quadro normativo che differenzia i nutraceutici dagli integratori alimentari. “Proponiamo un sistema normativo simile a quello usato per i farmaci, che è più rigoroso e più complesso di quello comunemente accettato per gli integratori alimentari “, ha detto. “È importante per la protezione dei consumatori che le autorità nazionali e le agenzie di regolamentazione richiedano ai produttori di fornire dati a supporto di qualsiasi reclamo nelle etichette dei prodotti quando viene utilizzato il termine nutraceutico”.

Nutraceutica è un neologismo sincratico da “nutrizione” e “farmaceutica” coniato dal Dr. Stephen DeFelice nel 1989.

I nutraceutici sono quei principi nutrienti contenuti negli alimenti che hanno effetti benefici sulla salute. Si trovano in natura, ma la trasformazione industriale tende ad azzerarli. I nutraceutici possono essere estratti, sintetizzati e utilizzati per gli integratori alimentari, oppure addizionati negli alimenti. Più raro è trovarli negli alimenti in maniera naturale e in quantità sufficienti ad ottenere dei benefici.

Categorie:Terapie

Con tag: