Educazione

Insicurezza alimentare determina elevato livello di HbA1c negli adolescenti con diabete di tipo 1

Gli adolescenti diabetici di tipo 1 nelle famiglie con sicurezza alimentare bassa e molto bassa hanno un HbA1c più alta e una maggiore prevalenza di ospedalizzazioni e accessi in Pronto Soccorso (ED) rispetto a quanti vivono in famiglie con sicurezza alimentare alta.

Jason A. Mendoza, MD, MPH, professore associato di pediatria nel dipartimento pediatrico dell’Università di Washington a Seattle, e colleghi hanno valutato i dati del SEARCH for Diabetes in Youth Study su 226 adolescenti con diabete di tipo 1 (età media, 15,6 anni, 52,2% ragazze, 75,2% bianco, durata media del diabete, 7,5 anni). I ricercatori hanno cercato di determinare le associazioni tra insicurezza alimentare e controllo glicemico, ospedalizzazione e visite di emergenza. L’insicurezza alimentare è stata definita come disponibilità limitata o incerta di alimenti nutrizionalmente adeguati e sicuri, ed è stata valutata utilizzando il modulo di indagine sulla sicurezza alimentare delle famiglie.

Complessivamente, la prevalenza dell’insicurezza alimentare nello studio era del 19% – che, hanno osservato i ricercatori, è superiore alla prevalenza nazionale del 12,7% – e il 7,1% dei partecipanti viveva in famiglie con una sicurezza alimentare molto bassa.




Le probabilità di un controllo glicemico ad alto rischio (HbA1c> 9%) erano di 2,64 volte superiori in quelle che vivono in famiglie a rischio alimentare rispetto a quelle in famiglie sicure; dopo aggiustamento per le covariabili, l’associazione è rimasta significativa (OR = 2,37, IC 95%, 1,1-5,09). I partecipanti provenienti da famiglie con insicurezza alimentare avevano 2,96 volte il rischio per i ricoveri e 2,95 volte il rischio per le visite ED rispetto ai partecipanti provenienti da famiglie in sicurezza alimentare.

HbA1c era più alto negli adolescenti appartenenti a famiglie con una bassa sicurezza alimentare (9,9%) e molto bassa (9,9%), rispetto ai partecipanti delle famiglie aventi una sicurezza alimentare normale (8,7%) e alta (9%)

Studio pubblicato sulla rivista scientifica Diabetes Research and Clinical Practice.

Categorie:Educazione

Con tag:,