Ricerca

I ricercatori scoprono il legame tra l’intestino e diabete di tipo 1

Gli scienziati hanno scoperto che il targeting di microorganismi nell’intestino, noti come microbiota, il quale potrebbe avere il potenziale per aiutare a prevenire il diabete di tipo 1.

La ricercatrice della University of Queensland, la dott.ssa Emma Hamilton-Williams, ha studiato le differenze nel microbiota intestinale, confrontando i suscettibili al diabete di tipo 1 con quelli che proteggono dalla malattia autoimmune.

Pubblicità e progresso

“Questa ricerca ha dimostrato che esiste una componente genetica del microbiota e la risposta immunitaria implicata nella sua regolazione”, ha affermato.

“Ciò significa che i cambiamenti nel microbiota nel diabete di tipo 1 si verificano prima che i sintomi si sviluppino e non sono solo un effetto collaterale della malattia.

“Le terapie mirate al microbiota potrebbero quindi avere il potenziale per aiutare a prevenire il diabete di tipo 1 in futuro.”

Il dott. Hamilton-Williams ha detto che lo studio ha anche dimostrato come un’immunoterapia che ha come bersaglio le cellule T associate al diabete di tipo 1 ha provocato cambiamenti drammatici nella biologia intestinale e alterato il microbiota nei modelli di topi.

“Abbiamo dimostrato che la suscettibilità genetica e il cambiamento nella funzione del sistema immunitario hanno portato ad alterazioni nel microbiota”, ha detto.

“Le implicazioni sono che la genetica di una persona contribuisce a un microbiota malsano e alla sua dieta”.

Il dott. Hamilton-Williams ha detto che i ricercatori coinvolti nello studio hanno studiato il microbiota e la suscettibilità genetica nei modelli murini di diabete di tipo 1 e in uno studio sui gemelli nel Regno Unito.

Il Dr. Hamilton-Williams ha detto che il prossimo passo è quello di esaminare gli studi clinici sulle immunoterapie per determinare se il microbiota è cambiato nelle persone che hanno risposto positivamente al trattamento.

Ha detto che gli scienziati potrebbero quindi creare trattamenti volti direttamente a ripristinare il microbiota intestinale in uno stato di salute sano e sviluppare trattamenti migliori per il diabete di tipo 1.

Categorie:Ricerca

Con tag:,