Donne e diabete

Lo studio dell’epigenetica rivela che le influenze ambientali possono cambiare il comportamento dei geni

 

In uno studio sulle donne incinte, un gruppo di scienziati Deakin ha mostrato per la prima volta agli esseri umani che la gravidanza può indurre cambiamenti epigenetici a lungo termine nei nostri corpi, con importanti implicazioni per la comprensione, la prevenzione e il trattamento delle malattie.

Gli scienziati della Deakin University hanno scoperto che la gravidanza può causare cambiamenti a lungo termine sul modo in cui i geni delle donne si comportano, il che potrebbe influire sulla salute futura di loro e dei loro figli.

I risultati di un recente studio del Centro di Biologia Cellulare e Molecolare di Deakin, hanno mostrato che le donne sperimentano importanti cambiamenti molecolari durante la gravidanza che potrebbero rimanere con loro anche dopo la fine della gravidanza.

I cambiamenti sono “epigenetici” – nel senso che non sono una mutazione della struttura del gene, ma un cambiamento nel modo in cui i geni si comportano.

Il direttore del centro e ricercatore capo Leigh Ackland ha detto che mentre la gravidanza è un periodo critico di cambiamenti ormonali, si sa ben poco dei cambiamenti epigenetici associati al ciclo riproduttivo.

“Questo studio evidenzia come sono in corso gli effetti fisici della gravidanza e come una volta che si passa attraverso la gravidanza il corpo viene alterato al livello più microscopico”, ha detto il professor Ackland.

“I cambiamenti epigenetici a lungo termine possono portare ad un aumento dei rischi di malattia per la prossima generazione. Gli studi hanno precedentemente dimostrato che la prole delle donne con diabete ha un aumentato rischio di sviluppare obesità, intolleranza al glucosio e diabete di tipo 2 “.

Il professor Ackland ha affermato che il suo studio è di grande importanza per la comunità di ricerca medica perché mostra per la prima volta alle persone che la loro impronta digitale epigenetica può cambiare a causa di fattori esterni.

“Questo è stato visto in laboratorio o con gli animali prima, ma non con le popolazioni umane”, ha detto.

“Contribuisce a una maggiore comprensione di come i fattori epigenetici stanno dando agli scienziati una comprensione molto più sofisticata della fisiologia”.

Ha spiegato che i marcatori epigenetici agiscono come un interruttore che può alterare l’attività dei geni e delle cellule nel corpo. Tutte le singole cellule hanno lo stesso materiale genetico, ma il comportamento di un gene è diverso nei diversi tessuti del corpo. Questo comportamento può essere determinato da fattori epigenetici, indipendentemente dalle sequenze di DNA dei geni.

“Questo è innovativo per di aiutarci a capire come la fisiologia è regolata dall’ambiente e ci aiuta a comprendere malattie più complesse come il cancro, ad esempio, dove i fattori ambientali possono giocare un ruolo nel suo sviluppo.

“L’epigenetica ha implicazioni per la comprensione, la prevenzione e la lotta a molte malattie, dal diabete al cancro, fornendo comprensione di come fattori ambientali avversi, incluso lo stile di vita, possono causare malattie. Una volta che conosciamo i percorsi causali, i ricercatori saranno messi in una posizione molto migliore per sviluppare Trattamenti In concomitanza con la nostra ricerca, altri ricercatori stanno già lavorando su enzimi epigenetici per migliorare i trattamenti contro il cancro. ”

Lo studio del professor Ackland ha confrontato gruppi di donne non gravide, donne incinte e donne a 20 settimane dopo il parto, e ha effettuato confronti tra gli stessi gruppi di donne in gravidanza, a 8-10 settimane dopo il parto e a 20 settimane dopo il parto. Confronti simili sono stati effettuati tra le donne con diabete di tipo 2.

Il professor Ackland ha detto come una scoperta significativa è stata che le donne con diabete di tipo 2 presentavano profili epigenetici diversi da donne non diabetiche, e i loro profili subivano diversi cambiamenti durante la gravidanza.

“I cambiamenti epigenetici indotti dalla gravidanza potrebbero portare a complicazioni tra queste donne con diabete, come gli effetti a valle che possono contribuire all’insulino-resistenza, così come i risultati della gravidanza ad alto rischio”, ha detto.

Il professor Ackland ha affermato che saranno necessarie ulteriori ricerche per determinare l’intera portata degli effetti a lungo termine.

“I cambiamenti epigenetici che si verificano in gravidanza molto probabilmente hanno sia effetti positivi che negativi sulla salute futura”, ha detto.

“Ma sappiamo che la malnutrizione materna e altri eventi avversi in gravidanza possono causare problemi alla prossima generazione a causa dell’epigenetica”.

La ricerca segue uno studio che il professor Ackland e il suo team hanno rilasciato nel 2016 nel mappare come i profili epigenetici delle donne in gravidanza con diabete gestazionale possano aiutare a identificare quelli a maggior rischio di sviluppare il diabete di tipo 2.

“L’identificazione dei marcatori che prevedono la conversione dal diabete gestazionale al diabete di tipo 2 offre la possibilità di esaminare le donne a più alto rischio, che potrebbero quindi essere prese di mira in precedenza per gli interventi sullo stile di vita”, ha detto.

L’ultimo studio “Cambiamenti epigenomici transitori durante la gravidanza e all’inizio del post-partum nelle donne con e senza diabete di tipo 2 ” è stato accettato per la pubblicazione in Epigenomics.

Categorie:Donne e diabete, Ricerca

Con tag: